Grecia in Fiamme

Scritto dasu 14 Febbraio 2012

Dopo il voto che ha visto prostrarsi 199 parlamentari greci ai diktat della troika, si contano centinai di arresti e feriti, mentre il Primo Ministro annucia elezioni anticipate. Ma la Grecia che scende in piazza e mette a ferro e fuoco le città è anche un grande laboratorio di sperimentazione politica e sociale che inizia a porsi qualche problema sull costruzione d una società differente. Scontri, occupazioni di municipi e massificazione della protesta toccano non solo le grandi città ma anche centri urbani di più modeste proporzioni. Il popolo greco sta dicendo basta ai ricatti e si prepara a tornare in piazza mlte volte ancora.

Radio Blackout propone due contributi:

Una compagna greca che ci  racconta questi giorni dal punto di vista di una piccola città di 60-70.000 abitanti, che pure ha visto scendere in strada a dare battaglia decine di migliaia di persone. Abbiamo cercato di fare qualche ragionamento sulle prospettive dei giorni a venire e in genere sul livello di scontro e organizzazione nella Grecia di oggi.
[audio:https://radioblackout.org/wp-content/uploads/2012/02/niovi.mp3] Scarica file
Una chiacchierata con Andrea Fumagalli che ha cercato di spiegarci cosa c’è dietro il massacro della Grecia, o meglio la logica con cui viene perpetrato. Ci ha illustrato le misure nel dettaglio che non si discostano in nulla dalle ricette classiche degli economisti in materia di ristrutturazione del debito.
[audio:https://radioblackout.org/wp-content/uploads/2012/02/fumagalli.mp3] Scarica file

Current track
TITLE
ARTIST