Presos anarquistas in Mexico

Scritto dasu 30 Gennaio 2014

2014 01 30_carlos lopez

 

Il 5 gennaio un gruppo di compagni ha dato l’assalto a sedi di concessionarie di vetture e al Ministero dei trasporti nel Distrito Federal messicano. Un’azione che si è svolta senza che i passanti, numerosi ale 22 di un giorno prefestivo, potessero subire danni di lacun tipo; veloci e efficienti hanno attraversato una gorssa arteria di traffico dela megalopoli e incendiato delle auto di grossa cilindrata e lanciato molotov contro gli obiettivi, dileguandosi. In seguito sono stati catturati tre giovani anarchici, due canadesi ora estradati nel loro paese, e un messicano molto conosciuto anche per il suo immpegno con la lotta zapatista. Carlos Lopez langue ora in carcere con accuse anche di terrorismo; il processo sarà di fronte a una corte federale e l’eventuale condanna dovrà venire scontata nelle carceri federali, molto più dure di quelle comuni.

E lo stato ha già fatto intendere che userà il pugno duro nei suoi confronti, perché serve una condanna esemplare.

Abbiamo sentito una sua amica, che si sta attivando da Roma, dove vive per creare una rete di solidarietà attiva nei suoi confronti: ascoltate il racconto partecipe e gli articoli tradotti da Edith per illustrare questa storia di repressione, ma anche di azione diretta coraggiosa.

messico

 

 

 

 

 

 

 


Current track
TITLE
ARTIST