Finisce l’appello del maxiprocesso No Tav: condanne dure e niente attenuante “sociale”

Scritto dasu 18 novembre 2016

notav

Il 4 ottobre 2016 è cominciato l’appello del maxiprocesso contro 53 No Tav per lo sgombero del 27 giugno e la manifestazione del 3 luglio 2011, giunto a sentenza nel gennaio 2015 con condanne durissime e ben poche assoluzioni.

Ieri nel tardo pomeriggio è stata emessa la sentenza dell’appello lampo con 38 condanne su 47 richieste, un poco ridimensionate rispetto al primo grado, e qualche assoluzione in più. Di fatto viene  confermato però il quadro accusatorio del Procuratore Generale Francesco Saluzzo che nega le attenuanti per aver agito per motivi di particolari valori morali e sociali.

Agli 85 anni comminati in tutto agli imputati bisognerà aggiungere quelli che possibilmente verranno inflitti a cinque No Tav stralciati da quest’appello le cui posizioni si discuteranno invece a febbraio 2017.

Abbiamo sentito l’avvocato Eugenio Losco per commentare la sentenza e capire i prossimi passi processuali:

Ascolta la diretta:

loscopersentenzanotav


Current track
TITLE
ARTIST