l’Egitto di Al Sisi al terzo giorno di elezioni presidenziali

Scritto dasu 28 Marzo 2018

Le elezioni presidenziali in Egitto stanno volgendo al termine e la vittoria del presidente Al Sisi, con un solo candidato come oppositore, è data per certa, in uno scenario contraddistinto da un’astensione elevatissima, un crollo della partecipazione politica e scetticismo rispetto all’operato di governo. Infatti il generale che si era fatto garante del ritorno alla “normalità” dopo il colpo di stato che aveva posto fine al governo di Hosni Mubarak guida un paese in profonda crisi economica, le cui strategie di sviluppo, portate avanti attraverso opere faraoniche spesso utilizzate per guadagnare consenso presso una popolazione impoverita dalle misure di austerità imposte dall’FMI, si sono rivelate fallimentari. Nel frattempo il paese è sempre più militarizzato, la repressione aumenta, e in alcune regioni gli scontri con le organizzazioni terroristiche islamiche sono ormai quotidiani.

Ne abbiamo parlato con Chiara Cruciati, caporedattrice di Nena News e giornalista del Manifesto:

 

 

 


Current track
TITLE
ARTIST