Dal cantone occupato di Afrin. Tra strategie di Erdogan, violenza sui civili e resistenza popolare.

Scritto dasu 4 Aprile 2018

Pubblichiamo l’ultimo reportage mandato il 31/03 da Jacopo, un compagno di Torino che sta portando avanti un prezioso lavoro di informazione nel cantone di Afrin occupato dalle truppe di Erdogan e dalle milizie islamiste sue alleate. Dopo le operazioni militari durate quasi sessanta giorni, una parte della popolazione ha abbandonato il cantone per rifugiarsi nelle regioni limitrofe ma in città infuria la violenza degli occupanti su chi è rimasto. Le operazioni di pulizia etnica e di sostituzione demografica volute da Ankara, che mira a costruire nel cantone una area abitata da islamisti jihadisti in cui convergono anche ex combattenti della conflitto siriano proseguono, ma nonostante ciò anche la resistenza, attraverso azioni di guerriglia, prosegue con alcune azioni eclatanti.

 


Current track
TITLE
ARTIST