Chiusa la pagina Facebook di Macerie

Scritto dasu 14 Febbraio 2019

Oggi la giornata inizia con l’abbattersi della censura intorno ai compagn* di Macerie: è infatti stata chiusa la pagina facebook di Macerie, che teneva aggiornati tutti e tutte su quanto sta accadendo a Torino in questi giorni.

Fate riferimento a questa

https://www.facebook.com/macerie.torino/

Il potere manifesta la sua paura tentando di chiudere le bocche di chi lotta.

Fate riferimento anche alla pagina facebook della radio, al sito web di macerie, e, se avete testimonianze da raccontare relativamente alla militarizzazione del quartiere Aurora e della città, mandate messaggi all’indirizzo mail unquartieresottassedio@riseup.net

o ai numeri della radio. E soprattutto ascoltate le libere frequenze!

Ricordiamo inoltre che oggi (giovedì) e domani pomeriggio le serrande di Corso Giulio Cesare 45 saranno aperte, passiamo tutt* di lì per organizzare volantinaggi e speakeraggi in Aurora, ma anche per informarci ed incontrarci.

Ricordiamo inoltre l’invito uscito ieri sera in assemblea a fare striscioni  da appendere ai propri balconi, con contenuti di solidarietà, oppure di attacco all’amministrazione comunale, o contro la militarizzazione di aurora, o contro la gentrificazione, il decreto salvini, i cpr…….siate creativi insomma, di argomentazioni ne abbiamo tante.

Continuiamo intanto a tenere alta la solidarietà con gli arrestati con l’accusa di associazione sovversiva per le loro lotte contro il CPR inviando loro cartoline, lettere, telegrammi.

Rizzo Antonio – Salvato Lorenzo – Ruggeri Silvia – Volpacchio Giada – Blasi Niccolò – De Salvatore Giuseppe

C.C. Lorusso e Cutugno via Maria Adelaide Aglietta, 35, 10149 Torino

Gli arrestati sono tanti, alcuni con accuse gravi che li costringeranno alla detenzione per lungo tempo. Chiediamo a tutti i solidali un benefit per sostenerli al conto intestato a Giulia Merlini e Pisano Marco IBAN IT61Y0347501605CC0011856712    ABI 03475 CAB 01605    BIC INGBITD1

Libertà per tutti e tutte

 


Current track
TITLE
ARTIST