Immigrazione. Una guerra non dichiarata

“Contrastare la clandestinità è un dovere di civiltà”.
Queste sono state le parole del ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri all’inaugurazione del Centro nazionale di coordinamento per l’immigrazione, lo scorso 15 febbraio a Roma. Tale centro dovrebbe essere una base organizzativa per i diversi corpi di polizia e le forze armate (carabinieri, guardia di finanza, marina militare e capitaneria di porto) impegnati nella guerra ai migranti. Non c’è altro termine per descrivere ciò che i governi europei, e quelli affacciati sul mare in primis, stanno mettendo in pratica lungo la fascia costiera del Mediterraneo: militarizzazione delle coste, uso dei più avanzati dispositivi tecnologici, cacce all’uomo per rinchiudere uomini e donne dentro lager in cui la vita umana non vale nulla. Perché i Centri di Identificazione ed Espulsione sono lager, lo abbiamo sempre detto e lo ribadiamo.
Questo l’incipit di un lungo articolo di Raffaele Viezzi

Ascolta l’intervista a Raffaele su immigrazione, CIE, informazione negata, permesso a punti, repressione: [audio:http://radioblackout.org/wp-content/uploads/2012/03/2012-03-21-raffaele-viezzi-CIE-immigrazione.mp3|titles=2012 03 21 raffaele viezzi CIE immigrazione]

Scarica l’audio dell’intervista

Condividi...Share on Reddit0Pin on Pinterest0

Potrebbe anche interessarti...