Siria. Armi e giochi di guerra

armi_sangue_NL’Unione Europea si è spaccata sulla questione dell’embargo alla vendita di armi ai ribelli siriani, revocato su spinta di Francia e Gran Bretagna, nonostante l’opposizione degli altri Stati membri. Non si è fatta attendere la risposta della Russia, nettamente schierata con Assad, che ha annunciato la fornitura di nuovi missili antiaerei al governo siriano.
Per la terza volta in tre anni la Francia imprime un’accelerazione bellica, che obbliga l’alleato/competitore statunitense a stare a ruota.
In questa prospettiva un compromesso sulla questione siriana pare allontanarsi. Se gli Stati Uniti potevano accontentarsi di un indebolimento del regime di Assad, se la Russia poteva accettare tale situazione di fatto, la scelta dell’UE mette a rischio ogni prospettiva di rapida risoluzione della guerra civile siriana.

Ne abbiamo parlato con Antonio Mazzeo, giornalista e blogger, esperto di commercio d’armi e degli equilibri geopolitci.
Ascolta il suo intervento

Mazzeo

Condividi...Share on Reddit0Pin on Pinterest0

Potrebbe anche interessarti...