Nuova sentenza e nuovo murales No Tav

Ieri una nuova sentenza ha in parte smontato l’impianto di Rinaudo e Padalino e con rito abbreviato ha mandato ai domicieliari per 2 anni e 10 mesi i tre compagni che in un primo tempo i due pm con l’elmetto volevano processare per terrorismo.

Abbiamo interpellato l’avvocato Eugenio Losco per un’analisi e qualche considerazione, alla fine delal quale ci ha informato che il prossimo passaggio importante sarà il 16 luglio, quando la Casazione dovrà sancire l’inverosimiglianza del reato di terrorismo, inventato dala procura torinese.

Unknown

Mentre  in tribunale veniva emessa la sentenza di cui ci ha parlato l’avvocato Losco, il movimento No Tav si era dato appuntamento in valle: il programma avrebbe previsto la creazione di un murales nei pressi delal Centrale a Chiomonte, ma le guardie schierate hanno impedito il passaggio dei manifestanti, così il murales ha preso forma e colori sotto un arcata della statale 24: sentiamo il racconto di Giulia:

Unknown

Condividi...Share on Reddit0Pin on Pinterest0

Potrebbe anche interessarti...