Ikea non cede, lo sciopero continua

Questa mattina abbiamo parlato con Danilo del secondo sciopero messo in campo da lavoratori e lavoratrici della multinazionale in tutti i punti vendita del paese nella giornata di sabato 11 luglio. La mobilitazione ha avuto una forte adesione, intorno all’80 % dei dipendenti, malgrado una sorta di precettazione di dirigenti e manager di settore che sono andati invece a lavorare.

I tagli di stipendio su diversi tipi di contratto e in particolare sulle condizioni al ribasso volute dall’azieda su quanto pagare poco o anzi, pagare meno, equiparando straordinari, domeniche e festivi a qualsiasi altra fascia oraria, hanno portato a questa seconda giornata di sciopero in tutti i punti vendita. Inoltre Ikea ha da poco aderito ad una federazione di imprese della grande distribuzione, Federdistribuzione, che non ha adottato il nuovo contratto nazionale del commercio, rinnovato nel marzo del 2015: le mobilitazioni quindi continueranno ancora nel corso dell’estate.

Ascolta il contributo di Danilo:

Unknown

 

Potrebbe anche interessarti...