Niscemi: sfrigolano antenne di guerra. Manifestazione il 2 ottobre

Scheda del drone Predator

Ancora una volta gli abitanti di Niscemi, gli antimilitaristi siciliani e tutte le persone impegnate a evitare che le apparecchiature per controllare e aggredire il pianeta possano entrare in funzione sono chiamate a manifestare il loro dissenso alla installazione delle antenne nella Sughereta di Niscemi. A questo scopo sono indette due manifestazioni contemporanee ai due poli opposti dello stivale: a nord la manifestazione si terrà a Cameri dalle 14 del 2 ottobre a ridosso della fabbrica di F35 per chi non riesce a essere a Niscemi, dove è prevista la partenza del corteo alle 15 da C.da Ulmo per tornare di nuovo a protestare presso le antenne del sistema Muos.

Il dissequestro del cantiere ha portato a un’accelerazione della messa in funzione e sembra che lo stato italiano sia ancora più proiettato verso un suo celere collaudo, bombardando magari le coste libiche o anche dovunque nel mondo; a maggior ragione ora che l’esercito statunitense può avvalersi del satellite che farebbe da ponte tra le antenne e gli aerei o i droni spediti a massacrare.

Tutto questo poi si inquadra in una situzione quais provocatoria in previsione del G7 programamto a maggio a Taormina: una zona ross anaturale inavvicinabile, ma anche tutto il corredo di represisone dei flussi migratori che costelal la Sicilia di cara, hotspot, cie…

Di questa aggressoine dell’apaprato militare al territorio siciliano abbiamo parlato con Fabio, impegnato nei Comitati No Muos

Niscemi_02_10_16

 

Potrebbe anche interessarti...