Femminismi. La scommessa di una piazza plurale per il 26N

guerriglierafemIl 26 novembre si svolgerà a Roma una manifestazione nazionale contro la violenza maschile sulle donne, il giorno successivo si terrà un’assemblea con nove tavole tematiche, che dovrebbero raccogliere oltre mille persone.

La manifestazione di Roma sarà il punto di approdo di un percorso che è cresciuto nei vari territori, mostrando la maturazione di sensibilità femministe nuove, mobili, erranti, capaci di rifuggere vittimismi e tentazioni gerarchiche, che, intorno al tema della violenza maschile sulle donne, hanno intrecciato reti forti e messo in modo processi partecipativi trasversali alle identità e alle culture.

La riflessione e la pratica di oltrepassamento delle gabbie di genere pone sul terreno una scommessa forte, che da ipotesi sperimentale di poche, è divenuta patrimonio condiviso.

Il corteo romano sarà aperto dalle donne, ma attraversato da tutt*.

Ne abbiamo parlato con Bia delle Rete “Non una di meno” di Torino

Ascolta la diretta:

2016-11-22-bia-corteofem

Potrebbe anche interessarti...