Retate, fogli di via e minacce di sgombero al campo rom di via Germagnano

corteoromSgomberi, retate, fogli di via e deporrtazioni hanno scandito la vita nella baraccopoli di i via Germagnano nell’ultimo mese e mezzo. Controlli a tappeto, fotografie delle targhe, fogli di via, baracche abbattute hanno concretizzato le minacce del sindaco Appendino, che ha dichiarato ai giornali l’intenzione di sgomberare il campo.

Durante gli i “controlli” diversi rom di ogni età hanno subito aggressioni, prima di essere accompagnati in commissariato per ricevere più di 30 fogli di via. Pare siano state inoltre portate a termine alcune deportazioni in Romania, è stato messo sotto sequestro un furgone e abbattuta una baracca.
L’ultima invasione del campo è di lunedì 14 novembre. In quell’occasione ai bambini è stato impedito di andare a scuola.
L’amministrazione comunale, che ha contratto un chiaro debito con chi le ha garantito la vittoria al ballottaggio con Fassino, intende pagare sino in fondo la cambiale.
La giunta a 5 stelle non ha i fondi, con cui l’amministrazione PD ha gestito lo sgombero della baraccopoli di lungo Stura Lazio, dove la promessa di una casa, ha impedito sino allo scorso autunno il raggrumarsi di una resistenza concreta allo sgombero.
La sindaca Appendino ha ben poco da promettere alla gente del campo, ed è quindi probabile che si affidi esclusivamente alla forza bruta.
La situazione, inoltre, si è aggravata, dopo l’ordinanza di sequestro e sgombero del campo emessa dalla magistratura in seguito ai rilievi effettuati dall’Arpa, che avrebbe trovato elevati livelli di inquinamento del terreno da zinco, stagno e piombo, proclamando il disastro ambientale.
Con tutta probabilità la giunta comunale sfrutterà questa rilevazione a proprio favore accusando gli abitanti (150 famiglie in tutto) di essere gli unici artefici dell’avvelenamento (nonostante il campo si trovi praticamente accanto ad una discarica e la situazione sia stabile da più di 20 anni).
Appendino può giocare la carta di uno sgombero per il “bene” dei baraccati, dal momento che sarebbe in gioco il loro stesso stato di salute.
Va da se che la salute di chi rischia di essere gettato in strada in pieno inverno, pare interessare poco l’amministrazione pentastellata, che si allinea, anche in questo, con l’opposizione dem.
L’ultima trovata di Appendino e battere cassa a Roma, per ottenere cinque milioni di euro per lo sgombero di via Germagnano. Cambiano le giunte la musica resta la stessa.

Ne abbiamo parlato con Jean, uno dei partecipanti alla lotta di Lungostura Lazio, culminata nelle occupazioni dell’ex caserma di via Asti prima, e dell’ex ASL di via Borgo Ticino, poi.
Ci ha raccontato anche qualche storia individuale, come quella di Ionut, preso e portato in questura, mentre tornava dall’ospedadale dove era nato suo figlio. Per non dire di Gheorghe, che nonostante i suoi evidenti handicap, è stato portato in questura, pestato, poi in ospedale, perché sarebbe “caduto dal letto”.

Ascolta la diretta:

2016-11-22-jean-retatecamporom

Potrebbe anche interessarti...