Ancora una volta l’ingiustizia all’amianto è fatta

Anche stavolta è andata in scena la farsa borghese del processo ai responsabili delle morti per amianto: è evidente che l’asbestosi proviene dal lavoro insicuro a cui erano sottoposti lavoratori e famiglie, ma anche questa evidenza non è sufficiente per far condannare gli assassini, quando non c’è la volontà di perseguire i colpevoli che si arricchivano consapevoli che i loro profitti erano fondati sulla morte di chi quella ricchezza produceva. Stavolta è toccato ai lavoratori della Breda vedersi negare quella giustizia che comunque si cerca volta per volta di far emergere.

Ci è sembrato opportuno anche stavolta testimoniare l’attenzione della radio, dando voce a Michele Michelino che di questa lotta è un po’ il simbolo, ecco il suo racconto esacerbato.

 

Breda:l’amianto uccide

Potrebbe anche interessarti...