ReSet G7: Torino si prepara alla mobilitazione contro il summit sul lavoro

Da lunedì la Reggia di Venaria ospita gli appuntamenti del G7 su industria, scienza e lavoro. Un summit che si sta rivelando decisamente sottotono rispetto ai toni pomposi che un anno fa annunciavano la scelta di Torino come cornice per l’evento: è bastato poco per convincere i rappresentanti dei sette tra i paesi più potenti del mondo a fare marcia indietro e a rinchiudersi nella Reggia di Venaria. Assistiamo così al balletto ormai quotidiano di appuntamenti cancellati, poi riannunciati, poi spostati in qualche anfratto remoto per tenere i padroni del mondo al riparo dalle contestazioni.

 

Qui trovate tutte le dirette delal giornata di mobilitazione finale con il corteo finale alla Venaria Reale:

Contestazioni che già negli ultimi giorni hanno scaldato i motori in vista delle tre giornate principali di mobilitazione – quelle del 28-29-30 Settembre – che a Venaria vedranno al centro il tema del lavoro. Nel frattempo, a dispetto della retorica calata dall’alto che vorrebbe questi eventi come un’opportunità per il territorio, il G7 si rivela per quello che è realmente: un’inutile vetrina con cui sperperare denaro pubblico, militarizzando al tempo stesso un’intera città.

 

Il collegamento con Lorenzo della rete cittadina ReSet G7 per presentare gli appuntamenti di mobilitazione:

resetG7

 

[Qui il programma completo delle iniziative]

Potrebbe anche interessarti...