Due storie di arroganza padronale e una proposta

Che i datori di lavoro si facciano sempre più spudorati nel spremere e poi buttare i lavoratori non è purtroppo una novità di questi tempi. E ciò che è successo a Barbara e Silvia, che svolgevano la mansione di OSS presso la comunità “Il Ponte” per la Cooperativa “11 Luglio” è una cartina di tornasole che mette bene in evidenza come i padroni, legittimati dalla deregolamentazione del mercato del lavoro e dalla distruzione di ciò che restava dei diritti dei lavoratori, pretendano pure il silenzio e la testa bassa dai propri dipendenti. Barbara e Silvia sono state sospese dal servizio, e una di loro è stata pure denunciata dalla proprietaria della comunità psichiatrica, perché in quanto rappresentanti e iscritte alla CUB portavano avanti da diversi mesi una lotta nella comunità psichiatrica contro la contenzione fisica dei pazienti e contro la speculazione dei padroni della struttura, che ricevono dalla ASL rette salate, nonostante nelle 5 comunità psichiatriche torinesi manchi il personale e si chiedano nuove assunzioni e un servizio dignitoso e di qualità. Con delle scuse ben orchestrate la Cooperativa 11 Luglio le ha allontanate dal proprio posto di lavoro togliendosi dalle scatole due persone disposte a lottare.

Per questo il sindacato di base CUB ha organizzato per sabato un corteo in loro solidarietà con partenza da via Cuneo 46 per ribadire forte e chiaro che Silvia e Barbara non si toccano.

Ne abbiamo parlato con Alex delegato CUB.

 

Ascolta la diretta

alex

 

Episodi come quello appena citato, così come altre vicende di licenziamenti avvenute nel torinese negli ultimi mesi scoprono il fronte compatto delle classi padronali e la frammentazione invece dei lavoratori, isolati e mal organizzati all’interno di un feroce mercato del lavoro in ristrutturazione.

Per cominciare a ridurre le distanze, per fare inchiesta, tentare di incontrarsi e coordinarsi tra lavoratori e lavoratori e tra lavoratori e solidali si è costituito da poco il Collettivo 17 che ha lanciato una compagna in solidarietà a quattro lavoratori Safim, licenziati diversi mesi fa per aver fatto un esposto all’ispettorato del lavoro.

Ne abbiamo parlato con Vincenzo, un compagno che partecipa al Collettivo 17

 

Ascolta la diretta

vincenzo

Potrebbe anche interessarti...