Milano. Per la libertà dei prigionieri politici in Turchia

Se ne parla poco. Pochissimo. La Turchia si è trasformata in una dittatura democratica ma in Italia il silenzio è di tomba. La Turchia, ben pagata per il lavoro sporco, impedisce il passaggio di migranti e profughi di guerra in Europa.
Un servizio prezioso per tutti i governi europei, che sul controllo delle frontiere giocano le proprie fortune elettorali.
Solo pochi organi di stampa e la rete testimoniano la durissima repressione, le carcerazioni di massa, le torture contro gli oppositori politici nel regno di Erdogan.

Le città e i quartieri rasi al suolo dai bombardamenti dell’esercito turco durante l’insurrezione di due anni fa, sono ora in mano ai cementificatori, che ricostruiscono le case per nuovi abitanti, mentre quelli vecchi vengono spinti ad emigrare, ad ingrossare le fila della grande diaspora curda.

Il corteo, che ha attraversato il centro cittadino lo scorso sabato è stato un tentativo di stracciare la coltre di silenzio che avvolge la durissima repressione in Turchia.

Convocato dall’Ufficio informazioni sul Kurdistan in Italia e dalla rete Kurdistan è stato caratterizzato da una forte partecipazione della comunità curda milanese e di varie altre città.

Meno significativa la partecipazione dei movimenti di opposizione sociale, che sin dall’assedio di Kobane avevano fornito appoggio materiale e politico alla rivoluzione democratica e confederale in Rojava. La scelta delle organizzazioni curde di spostare l’asse delle loro alleanze sulla sinistra istituzionale, complice delle politiche di sostegno al governo turco, ha fatto sì che sia le adesioni formali sia la partecipazione diretta fossero inferiori a quelle degli anni precedenti.

Evidentemente la durezza del momento ha indotto la leadership curda nel nostro paese ad una realpolitik che paga poco in piazza.

Ne abbiamo parlato con Massimo, un compagno milanese, tra quelli che, pur non aderendo al corteo, vi ha preso parte in sostegno alla lotta per la liberazione dei prigionieri politici in Turchia.

Ascolta la diretta:

2017 10 10 kurd milano

Potrebbe anche interessarti...