La Corea del Nord lancia un nuovo missile annunciando di poter colpire gli USA

Nella serata di ieri (ora italiana) la Corea del Nord ha annunciato di aver effettuato un nuovo test balistico, lanciando un missile intercontinentale verso il Giappone. Il razzo sembrerebbe superare in potenza quelli di tutti i test precedenti (ha raggiunto un’altitudine di oltre 4.000 chilometri volando per circa 50 minuti) ed è caduto in mare nelle acque della “zona economica esclusiva” davanti alle coste giapponesi.

 

Dopo il lancio il regime nordcoreano ha annunciato di essere ormai in grado di colpire qualsiasi punto dell’intero continente nord americano. Il test missilistico arriva dopo un paio di mesi di silenzio in questo ambito da parte di Kim Jong-un, anche se nei giorni scorsi l’intelligence statunitense e quella sudcoreana avevano ricevuto alcuni segnali che lasciavano presagire l’accaduto.

 

Il lancio ha suscitato l’immediata condanna e le minacce di rappresaglie da parte internazionale, in particolare della Corea del Sud – che ha effettuato subito un’esercitazione missilistica difensiva – e degli Stati Uniti, che sono tornati a chiedere ulteriori sanzioni oltre quelle già adottate dal consiglio di sicurezza dell’Onu negli ultimi mesi.

 

Abbiamo commentato la notizia con Alessandro Albana, dottorando in studi globali presso l’Università di Bologna

albana2911

Potrebbe anche interessarti...