Anarres dell’11 novembre. Appendino alla guerra contro i rom, la vittoria del Jocker, femminismi, antimilitarismo, referendum, un gioco a carte truccate

fuoco-al-tricoloreOgni venerdì vi invitiamo a sbarcare su Anarres, il pianeta delle utopie concrete, dalle 10,45 alle 12,45 sui 105.250 delle libere frequenze di Blackout

Ascolta il podcast:

2016-11-11-anarres1

2016-11-11-anarres2

2016-11-11-anarres3

In questa puntata:

Appendino e Padalino dichiarano guerra ai rom di via Germagnano. Sgomberi, retate, fogli di via e deportazioni

The president is a Trump. Sessista, razzista, volgare. Un miliardario outsider approda alla Casa Bianca, dopo una campagna elettorale con toni da bar Sport. Ne abbiamo parlato con Lorcon, redattore di Umanità Nova


Cacerolata femminista a
San Salvario

Referendum. La Carta e le carte truccate

Fuoco al Tricolore! Una settimana contro il militarismo

Per approfondimenti:

Fuoco al Tricolore! Una settimana contro il militarismo
Una bandiera tricolore è stata data alle fiamme di fronte alla polizia in assetto antisommossa e alla polizia politica in gran forze per difendere le forze armate, che, anche quest’anno, erano in piazza Castello per la cerimonia dell’ammainabandiera, che conclude la festa delle forze armate il 4 novembre.
Gli antimilitaristi puntuali all’appuntamento, si sono mossi in corteo con striscioni, bici da trasporto con carro armato e Samba Band dalla piazza del Comune fino al blocco di polizia in via Garibaldi, cento metri prima dei soldati in alta uniforme.
Un applauso ha accolto l’azione antipatriottica.
Numerosi gli interventi dal megafono per un’iniziativa di comunicazione e lotta, che, dopo un lungo fronteggiamento e l’intervento dell’automobilina kamicazza, si sono mossi per via Garibaldi, sino a guadagnare piazza Castello, dove i militari avevano chiuso alla svelta il loro rituale bellico.
La giornata di lotta del 4 novembre era l’ultima di una settimana di iniziative. Sabato 29 ottobre al Balon, un presidio itinerante, con performance contro eserciti e fabbriche d’armi, interventi e musica, aveva aperto le iniziative promosse dall’assemblea antimilitarista.

Il mercoledì successivo si era svolta un’iniziativa di approfondimento “Bombe, muri e frontiere. Giochi di potenza dal Mediterraneo all’Eufrate. Dal nuovo secolo americano al tutti contro tutti”. La serata, introdotta da Stefano Capello, è stata occasione per capirne di più sugli equilibri geopolitici, in un pianeta sempre più multipolare, ad alleanze variabili, dove prevale la logica terrificante del caos sistemico.

Qui il testo dell’appello per la settimana antimilitarista

*********
Cacerolata femminista a San Salvario

Qui il testo del volantino distribuito in piazza:

Sentieri di libertà
Libertà, uguaglianza, solidarietà. I tre principi che costituiscono la modernità, rompendo con la gerarchia che modellava l’ordine formale del mondo hanno il loro lato oscuro, un’ombra lunga fatta di esclusione, discriminazione, violenza.
Tanta parte dell’umanità resta(va) fuori dal loro ombrello protettivo: poveri, donne, omosessuali, bambini. L’universalità di questi principi, formalmente neutra, era modellata sul maschio adulto, benestante, eterosessuale. Il resto era margine. Chi non era pienamente umano non poteva certo aspirare alle libertà degli uomini.
Una libertà soggetta a norma, regolata, imbrigliata, incasellata. La cultura dominante ne determina le possibilità, le leggi dello Stato ne fissano limiti e condizioni.
Le nonne delle ragazze di oggi passavano dalla potestà paterna a quella maritale: le regole del matrimonio le mantenevano minorenni a vita.
Le donne stuprate, sino al 5 settembre del 1981, potevano sottrarsi alla vergogna ed essere riammesse nel consesso sociale, se accettavano di sposare il proprio stupratore. Una violenza più feroce di quella già subita. Se una donna era uccisa per motivi di “onore”, questa era una potente attenuante. Uccidere per punire le donne infedeli era considerato giusto.

Sono passati 34 anni da quando quelle norme vennero cancellate dal codice penale. Poco prima era stato legalizzato il divorzio e depenalizzato l’aborto.
Sulla strada della libertà femminile e – con essa – quella di tutt* sono stati fatti tanti passi. Purtroppo non tutti in avanti.

Le lotte delle donne hanno cancellato tante servitù. Ma ne paghiamo, ogni giorno, il prezzo.

La violenza maschile sulle donne è un fatto quotidiano, che i media ci raccontano come rottura momentanea della normalità. Raptus di follia, eccessi di sentimento nascondono sotto l’ombrello della patologia una violenza che esprime a pieno la tensione diffusa a riaffermare l’ordine patriarcale. La casa, il “privato”, è il luogo dove si consumano la maggior parte delle violenze e delle uccisioni. Le donne libere vengono picchiate, stuprate e ammazzate per affermare il potere maschile, per riprendere con la forza il controllo sui loro corpi e sulle loro menti.

La narrazione prevalente sui media è falsa, perché nasconde la realtà cruda della violenza maschile sulle donne. Non solo. Trasforma le donne in vittime da tutelare, ottenendo l’effetto paradossale ma non tanto, di rinforzare l’opinione che le donne siano intrinsecamente deboli.
La violenza esplicita è solo la punta dell’iceberg. Il patriarcato, sconfitto ma non in rotta, riemerge in maniere più subdole.

Il prezzo dell’emancipazione femminile è stato anche l’adeguamento all’universale, che resta saldamente maschile ed eterosessuale. Lo scarto, la differenza femminile, in tutta l’ambiguità di un percorso identitario segnato da una schiavitù anche volontaria, finisce frantumata, dispersa, illeggibile, se non nel ri-adeguamento ad un ruolo di cura, sostitutivo dei servizi negati e cancellati negli anni.
Lo spazio della sperimentazione, della messa in gioco dei percorsi identitari, tanto radicati nella cultura, da parere quasi «naturali», spesso si estingue, polverizzato dalle tante cazzutissime donne in divisa, dalle manager in carriera, dalle femministe che inventano le gerarchie femminili per favorire operazioni di lobbing.
Lo scarto femminile non è iscritto nella natura ma nemmeno nella cultura, è solo una possibilità, la possibilità che ha sempre chi si libera: cogliere le radici soggettive ed oggettive della dominazione per reciderle inventando nuovi percorsi.
Contro la normalizzazione delle nostre identità erranti il femminismo libertario si svincola dalla mera rivendicazione paritaria, per mettere in gioco una scommessa dalla posta molto alta.
Miliardi di percorsi individuali, che attraversano i generi, costituiscono l’unico universale che ci contenga tutt*, quello delle differenze.
Vogliamo vivere, solcare le nostre strade, con la forza di chi sta intrecciando una rete robusta, capace di combattere la violenza di chi vuole affermare la dominazione patriarcale.
Non abbiamo bisogno di tutele né di tutori, con o senza divisa. La nostra forza è nella solidarietà e nel mutuo appoggio.
Il percorso di autonomia individuale lo costruiamo nella sottrazione conflittuale dalle regole sociali imposte dallo Stato e dal capitalismo.
Siamo qui per spezzare l’ordine. Morale, sociale, economico.
Siamo qui per frantumare la gerarchia, per esserci, ciascun* a proprio modo.

Anarchiche contro la violenza di genere

Ci trovate ogni giovedì alle 19 presso la FAT in corso Palermo 46

******

Referendum. La Carta e le carte truccate

Nemmeno il terremoto può fermare la macchina referendaria:‭ ‬il tormentone che ci affligge da mesi continua imperterrito.‭ ‬Anzi il terremoto può fornire un’ottima occasione per dimostrare il valore di questo governo e del suo leader maximo e ridurre la componente politica sulle scelte dei votanti a vantaggio di quella emozionale.

E‭’ ‬infatti indubbio che la cassa di risonanza mediatica sul protagonismo di Renzi e‭ ‬soci nell’affrontare la tragicità degli effetti del terremoto sulla vita delle popolazioni colpite avrà un impatto sulla valutazione complessiva del governo‭; ‬fatto questo non indifferente se consideriamo che dai sondaggi‭ (‬con tutti i distinguo del caso‭) ‬risulterebbe che se un terzo dell’elettorato è a conoscenza del significato dei quesiti referendari‭ – ‬e quindi voterebbe a ragion veduta‭ – ‬ben due terzi ne è all’oscuro,‭ ‬o per disinteresse,‭ ‬o per rifiuto cosciente,‭ ‬o per la complessità della materia,‭ ‬e quindi voterebbe‭ – ‬sic et simpliciter‭ – ‬su Renzi ed il suo governo.‭ ‬D’altronde è lo stesso Renzi‭ ‬che ha operato in questa direzione mettendo il suo corpo,‭ ‬il suo futuro direttamente in gioco promettendo la sua uscita dalla scena politica in caso di sconfitta.

Con il dilemma‭ ‘‬o con me o contro di me‭’ ‬Renzi porta all’apice il ragionamento su cosa sia il meno peggio proponendosi come l’unico possibile salvatore della patria,‭ ‬l’innovatore in grado di fare ripartire il paese.‭ ‬Un film già visto,‭ ‬con Craxi,‭ ‬Berlusconi,‭ ‬e tanti altri attori consumati e ormai consunti.

La partita,‭ ‬per Renzi,‭ ‬è impegnativa e va giocata su più fronti.‭ ‬Avere la maggioranza del partito con se e‭ ‬registrare che la maggioranza dei deputati del PD è legata al suo oppositore interno Bersani,‭ ‬non rende il gioco facile‭; ‬così come vedere tutta l’opposizione istituzionale‭ (‬e non solo‭) ‬coalizzata contro di se impone a Renzi di doversi inventare quanto più di fantasmagorico ci sia‭ – ‬mance elettorali comprese‭ ‬-‭ ‬per vincere la singolar tenzone.

Eppure i giochi sembravano fatti.‭ ‬Con la ristrutturazione del Senato si vuole portare a maturazione il dibattito che ha attraversato il ceto politico di questo paese per decenni‭ ‬-‭ ‬vedi le proposte di presidenzialismo e di monocameralismo avanzate a più riprese‭ – ‬e che puntava,‭ ‬con accelerazioni più o meno variabili,‭ ‬al rafforzamento dell’esecutivo e alla riduzione dei soggetti politici in gioco.

Gli sbarramenti elettorali,‭ ‬i premi di maggioranza,‭ ‬le alchimie sui collegi elettorali,‭ ‬eccetera sono stati gli espedienti messi in campo per ottenere questo risultato:‭ ‬costringere all’accorpamento i partiti più piccoli,‭ ‬favorire il sorgere di due schieramenti più o meno contrapposti,‭ ‬assicurare la governabilità sempre e comunque.‭ ‬La decretazione d’urgenza,‭ ‬l’ingerenza del Presidente della Repubblica,‭ ‬il trasformismo eclatante hanno fatto il resto riducendo il Parlamento a semplice comprimario di scelte operate altrove,‭ ‬nei corridoi animati dai lobbisti di ogni specie,‭ ‬oppure a palcoscenico degli spettacolini di un’opposizione in cerca di visibilità.

E‭’ ‬un progetto questo che ha molti progenitori,‭ ‬addirittura c’è chi ricorda il‭ ‘‬Piano per la rinascita nazionale‭’ ‬del venerabile maestro Licio Gelli,‭ ‬animatore di quella Loggia P2,‭ ‬menzionata recentemente per l’impegno profuso nel combatterla da Tina Anselmi,‭ ‬utilizzata opportunisticamente dal‭ ‘‬premier‭’ ‬per il suo spessore democratico sociale.

La trasformazione del Senato secondo le linee della riforma Boschi,‭ ‬in accoppiata con la legge elettorale recentemente approvata,‭ ‬l’Italicum,‭ ‬concluderebbe il percorso tracciato,‭ ‬snellendo i tempi e le procedure legislative‭ – ‬anche se oggi la quantità delle leggi approvate ha pochi eguali nei paesi a democrazia parlamentare‭ – ‬e conferendo al governo in carica un gigantesco potere d’indirizzo,‭ ‬dopo aver demolito l’autonomia regionale a favore di una ri-centralizzazione statale.

In un contesto nel quale la partita politica si giocava in due,‭ ‬come era la situazione fino all’irrompere sulla scena di un‭ ‬terzo incomodo,‭ ‬il Movimento‭ ‬5‭ ‬stelle,‭ ‬questo rafforzamento era comunque funzionale ad entrambi,‭ ‬in un contesto nel quale le politiche sostanziali poco differiscono le une dalle altre,‭ ‬condizionate come sono dagli scenari internazionali,‭ ‬dalle burocrazie europee,‭ ‬dal controllo della NATO,‭ ‬dalle dinamiche del capitale.

La presenza del terzo incomodo ha mescolato le carte in tavola‭; ‬la possibilità che possa vincere le prossime elezioni e prendere nelle proprie mani le leve del governo inquieta fortemente gli assetti tradizionali del potere,‭ ‬preoccupati dalla natura trasversale del movimento,‭ ‬ancora poco noto ai più,‭ ‬se non per la sua massa critica,‭ ‬il suo portato populista e legalista,‭ ‬il suo antieuropeismo.‭ ‬L’irrompere della variabile pentastellata sulla scena,‭ ‬costringe la casta a riformulare i propri assetti,‭ ‬a riconquistare il palcoscenico dello spettacolo politicista riproponendosi come garante degli interessi settoriali del paese.‭ ‬Lo scontro si fa via via più acceso,‭ ‬tra modernizzatori fedeli esecutori degli interessi delle multinazionali e dei grandi gruppi aziendali che chiedono meno burocrazia,‭ ‬tempi certi della giustizia,‭ ‬snellimento generale delle pratiche e dei controlli,‭ ‬e difensori dello status quo,‭ ‬delle rendite di posizione,‭ ‬delle logiche clientelari e familistiche.‭ ‬In un contesto dove populisti euroscettici cercano di coniugare il consenso territoriale costruito sul tema della‭ ‘‬piccola patria‭’ ‬con‭ ‬la difesa della‭ ‘‬razza‭’ ‬italica a fronte del processo migratorio in corso.‭ ‬Dove si parla e straparla di un‭ ‘‬patto per la crescita‭’ ‬tra governo,‭ ‬imprese e sindacato,‭ ‬condizionato da un SI che aprirebbe le porte agli ambiti investimenti internazionali‭ (‬e conseguentemente alla svendita del patrimonio italico‭)‬,‭ ‬e contrastato da un NO che vorrebbe la riapertura del mercato ministeriale delle poltrone conseguente alla prevedibile caduta del governo.‭

La natura dello scontro tra le varie frazioni della borghesia e della classe dirigente del paese appare sempre più chiaro,‭ ‬solo a volerlo vedere.

Non c’era alcun disaccordo sostanziale quando si è trattato di modificare lacostituzione introducendo,‭ ‬tra i suoi articoli,‭ ‬l’obbligo della parità di bilancio:‭ ‬tanto,‭ ‬male che vada,‭ ‬i suoi costi vengono scaricati sui lavoratori e sulla povera gente.

Il disaccordo sorge quando un settore vuole imporre un’accelerazione nel cambiamento in corso,‭ ‬spostando decisamente l’asse del potere a favore dello schieramento della modernizzazione ipercapitalista e globalizzatrice.‭ ‬Basta vedere chi sono i sostenitori della riforma:‭ ‬Confindustria,‭ ‬la grande finanza,‭ ‬le Banche,‭ ‬la classe dirigente internazionale da Obama alla Merkel,‭ ‬eccetera che con minacce e lusinghe operano sfacciatamente a favore di Renzi,‭ ‬un presidente del consiglio mai eletto,‭ ‬imposto da un presidente della repubblica che ha travalicato ogni suo limite,‭ ‬sanzionato solamente dal successo del suo partito in una elezione ininfluente come quella per il parlamento europeo.

Che bisogno c’è di cambiare la costituzione,‭ ‬quando la costituzione materiale,‭ ‬quella fatta di cose concrete per la vita delle persone‭ – ‬non quella formale,‭ ‬idealizzata,‭ ‘‬nata‭’ ‬dalla Resistenza‭ ‬-‭ ‬ha consentito negli anni lo sviluppo di politiche di impoverimento della popolazione,‭ ‬di aggressione militare ad altri paesi,‭ ‬di attacco al mondo del lavoro,‭ ‬di arricchimento indecente per la classi privilegiate,‭ ‬di progressiva liquidazione del sistema di protezione sociale,‭ ‬dalla sanità all’assistenza‭?

Evidentemente tutto questo non basta.‭ ‬La crescente competizione per l’accaparramento delle risorse,‭ ‬la continua e accelerata necessità di valorizzazione del capitale spingono verso l’amplificazione dei conflitti,‭ ‬sia aperti in forma di guerra sia sotterranei in forma di condizionamenti e ricatti.

Questo impone alle classi dirigenti,‭ ‬dominanti nello stesso schieramento borghese,‭ ‬di trovare assetti di potere più confacenti alle loro esigenze.‭ ‬Da qui i cambiamenti strutturali in corso,‭ ‬in Italia come altrove,‭ ‬per adeguare la macchina statale alle nuove incombenze.

La chiamata alle armi per l’affermazione del SI nel prossimo referendumistituzionale non è solo un passo necessario legato alle procedure di modifica costituzionale,‭ ‬ma è anche il tentativo di legare il più possibile al governo il favore popolare,‭ ‬oggi come oggi,‭ ‬particolarmente necessario in vista delle sfide che ci aspettano.

E‭’ ‬necessario quindi che anche in questa scadenza ci si mobiliti per mostrare la vera portata della partita in gioco,‭ ‬gli scenari e le ricadute che ci si prospetteranno se non si svilupperà una vera opposizione.

Vera opposizione,‭ ‬dunque,‭ ‬che significa ripresa del conflitto sociale su larga scala,‭ ‬azione diretta di massa,‭ ‬mobilitazione del mondo del lavoro,‭ ‬riappropriazione e controllo territoriale,‭ ‬rilancio della solidarietà internazionalista,‭ ‬superamento dei confini,‭ ‬pratiche di accoglienza reale dei profughi,‭ ‬antimilitarismo.

Al di fuori di questo quale potrebbe essere un’opposizione in grado di mettere i bastoni tra le ruote dei manovratori‭? ‬Non certo quella che si muove su un piano formale come quello della difesa della Costituzione nata dalla Resistenza.‭ ‬Al di la della retorica‭ ‬-‭ ‬che in realtà offende il partigianato,‭ ‬soprattutto nella sua componente sovversiva e rivoluzionaria‭ – ‬occorre ricordare che la Costituzione‭ ‬è nata dalla mediazione tra Democratici Cristiani,‭ ‬Comunisti,‭ ‬Socialisti e Liberali i quali ben si guardarono di fissare norme chiare e nette che potessero essere utilizzate dagli uni contro gli altri.‭ ‬Risultato:‭ ‬le più alte aspirazioni contenute nella Carta‭ – ‬che la rendono per alcuni la più bella del mondo‭ – ‬sono sempre risultate disattese,‭ ‬foglie di fico di un potere sempre arrogante e accaparratore.‭ ‬Solo ampi movimenti popolari,‭ ‬espressione di bisogni e volontà collettive,‭ ‬sono riusciti a modificare,‭ ‬nel tempo,‭ ‬gli assetti di potere,‭ ‬le strutture giuridiche e politiche del paese,‭ ‬non certo una mobilitazione di carta giocata sulla Carta.

Ricordando le frustrazioni seguite ai referendum vinti sull’onda di mobilitazioni significative e importanti,‭ ‬come quello contro la privatizzazione dell’acqua,‭ ‬o di battaglie di opinione come quello sul finanziamento pubblico ai partiti,‭ ‬ma vanificati dalle furberie della casta,‭ ‬i sinceri oppositori della riforma dovrebbero attenersi ad una visione realistica delle cose.

La vittoria del NO rappresenterebbe semplicemente un rallentamento dei processi in corso e probabilmente una rimessa in discussione degli equilibri governativi,‭ ‬ma a vantaggio di chi‭? ‬Qualcuno sosteneva un tempo‭ ‘‬grande è la confusione sotto il cielo:‭ ‬la situazione è eccellente‭’‬.‭ ‬Ma oggi è così‭? ‬Esiste un movimento reale in grado di essere protagonista nella crisi governativa e di imporre la propria agenda di trasformazione sulle cose che contano:‭ ‬salario,‭ ‬lavoro,‭ ‬casa,‭ ‬salute,‭ ‬scuola,‭ ‬guerra,‭ ‬immigrazione,‭ ‬ambiente,‭ ‬libertà individuali e collettive‭?

Oppure prevarrà la politica politicante,‭ ‬fatta sempre di deleghe,‭ ‬di capetti ambiziosi,‭ ‬di prevaricazioni e di corruttele‭?

La partecipazione alla campagna per il NO in realtà continua a rimanere nel solco della politica delegata,‭ ‬della fiducia nei meccanismi della democrazia parlamentare,‭ ‬sperando di rosicchiare margini di manovra all’interno della più generale crisi di sistema.

Il‭ ‘‬NO Sociale‭’ ‬non sfugge a questa condizione,‭ ‬anche se‭ ‬le sue parole d’ordine puntano sulla possibilità di sviluppare una stagione di lotta a partire proprio dalla vittoria del NO.‭ ‬Non è la prima volta che si è opera per costruire un fronte di tutte le opposizioni sociali che metta insieme le espressioni più varie della conflittualità sociale,‭ ‬da quelle dell’autorganizzazione a quelle che hanno nelle pratiche delegate la loro sostanza,‭ ‬per farle convergere sul piano di una lotta che di fatto è tutta interna ai meccanismi istituzionali,‭ ‬avendo tra l’altro come‭ ‘‬cobelligeranti‭’ ‬le espressioni più becere della destra che ne annacquano la portata.‭ ‬I risultati nel passato si sono visti e credo che si ripeteranno,‭ ‬contribuendo ad un’ulteriore frustrazione complessiva dei soggetti coinvolti,‭ ‬i quali credendo di conseguire un obiettivo significativo in realtà fanno un favore alla nuova casta montante,‭ ‬quella che si ritrova nel Movimento‭ ‬5‭ ‬stelle.

Questo non vuol dire indifferentismo politico‭; ‬non vuol dire che tutte le forme del potere sono eguali‭; ‬sappiamo ben distinguere tra democrazia rappresentativa e dittatura‭; ‬ma una vera battaglia contro le riforme in atto non può oggi assolutamente prescindere dall’assoluta necessità della ripresa del conflitto sociale che non può farsi condizionare da un dibattito che è centrale solo per un ceto politico preoccupato per la propria esistenza.‭ ‬Il‭ ‬contrapporsi tra‭ ‘‬riforma‭’ ‬e‭ ‘‬conservazione‭’ ‬vuole occultare la realtà delle forme di sfruttamento attuali,‭ ‬per favorire un loro‭ ‘‬rinnovamento‭’ ‬in funzione delle esigenze di ristrutturazione e di riorganizzazione dell’apparato statale alle prese con le emergenze dell’attuale sistema geopolitico mondiale.

Bisogna scegliere:‭ ‬o porsi a difesa di quel che resta della democrazia parlamentare,‭ ‬individuando in essa una residua barriera all’incalzare dell’autoritarismo montante,‭ ‬o imboccare decisamente la strada della lotta,‭ ‬interna ai corpi sociali con tutte le loro potenzialità e contraddizioni,‭ ‬in funzione di un progetto di società altra,‭ ‬da costruire giorno per giorno,‭ ‬fuori da ogni opportunismo politicista.

A fronte di una politica che fa del parlamento e della governabilità il suo centro di interesse occorre contrapporre un pensiero ed un’azione che abbiano il loro punto di riferimento nella capacità di autoorganizzazione popolare‭; ‬occorre contrapporre la proposta e la pratica del comunalismo,‭ ‬libertario e federativo,‭ ‬articolato sul territorio,‭ ‬dal semplice al complesso.

Sfuggire dai meccanismi della democrazia rappresentativa significa entrare nel concreto della critica del concetto stesso di maggioranza e minoranza,‭ ‬significa rifiutare la riproduzione,‭ ‬pura e semplice,‭ ‬dei rituali parlamentari negli stessi organismi rappresentativi dei lavoratori per dare invece prevalenza all’autoorganizzazione,‭ ‬alla lotta,‭ ‬al libero confronto delle idee.

I rapporti di forza si sono sempre modificati con la lotta diretta e la via politica ha sempre rappresentato il disarmo della conflittualità sociale.‭ ‬Con questa consapevolezza ci tiriamo fuori dai ricatti agitati da quanti,‭ ‬a sinistra,‭ ‬sono alle prese con le pulsioni egemoniche di ceti politici trasformisti ed opportunisti,‭ ‬incapaci di produrre politiche realmente alternative,‭ ‬sul terreno economico,‭ ‬dell’occupazione,‭ ‬della riduzione d’orario,‭ ‬del degrado urbano e ambientale,‭ ‬della sanità,‭ ‬della scuola,‭ ‬ecc.‭

Astenersi,‭ ‬non cadere nella trappola delle false alternative e del recupero elettorale,‭ ‬rafforzare le armi della critica intransigente,‭ ‬dell’organizzazione,‭ ‬del protagonismo sociale,‭ ‬dell’azione tra le classi sfruttate ed oppresse,‭ ‬vuol dire porre le basi per un’incisiva azione rivoluzionaria che colpisce,‭ ‬nel parlamentarismo,‭ ‬un sistema di governo che impone leggi e tasse,‭ ‬decise da una cerchia ristretta di privilegiati,‭ ‬indipendentemente ‭ ‬dalla volontà degli elettori.

Astenersi,‭ ‬per gli anarchici,‭ ‬vuol dire manifestare la volontà di non essere governati,‭ ‬vuol dire non rendersi corresponsabili dello sfruttamento e dell’oppressione,‭ ‬vuol dire volontà di una società di libere associazioni federate.
Massimo Varengo in Umanità Nova

www.anarresinfo.noblogs.org

Potrebbe anche interessarti...