La strage dell’amianto: il mesotelioma di seconda generazione

In questi ultimi giorni da più parti si riscontra un rinnovato interesse per le affezioni della pleura a causa dell’asbesto sparpagliato avventatamente dall’uomo nell’ultimo secolo: un incontro a Roma il 9 ottobre tra associazioni, Inail (in confitto di interesse e a cui il governo delega tutte le decisioni in materia) in preparazione di una terza conferenza nazionale governativa prevista per fine novembre a Casale (probabilmente per motivi elettorali, perché può essere utile mostrare interesse a un problema che sta coinvolgendo così tante persone con la sensazione di essere stati vittime di un’inaccettabile ingiustizia).  Probabilmente per questa ragione i mezzi di informazione hanno in modi diversi coperto l’argomento: su Rainews24 Emanuela Bonchino ha realizzato un reportage sui casi – di cui si attende il picco entro un lustro – di mesotelioma insorgente nella seconda generazione dei criminalmente esposti all’amianto: cioè quelli familiari che vivevano con i lavoratori (e i loro vestiti intrisi di spore di amianto); è stato organizzato un convegno (Amianto problema irrisolto, a cui non sono state invitate le associazioni che si stanno battendo da anni per ottenere smaltimento e giustizia, non si capisce come mai – o meglio si comprende come sempre molto bene trattandosi di cgil-cisl-uil, che finora non hanno fatto niente su questo fronte) sulle morti per amianto a causa di lavori svolti senza protezione e senza informazione adeguata; su “zeroincondotta” si può trovare un altro aspetto dell’invasività amiantifera: gli usi attuali di rivestimenti di tubature in strutture nuove. Ma anche per quel che riguarda l’ambiente si può leggere un bell’articolo su Biancavilla, redatto questa settimana da Marina Forti su “l’Internazionale” su un caso di amianto contenuto nella montagna e che ha prodotto molte morti per asbestosi ultimamente, probabilmente per modalità di lavoro innovative che hanno alterato gli equilibri del comune etneo.

Per capirne di più sia come modalità di estensione dell’emergenza sociale, medica e nazionale abbiamo chiesto a Michele Michelino di approfondire cifre, dati, analisi, prospettive…

Mesotelioma di II generazione

Potrebbe anche interessarti...