Mondo post-covid: dai massacri degli animali negli allevamenti alle modificazioni urbane

Nella puntata di mercoledì 15 luglio, dopo una breve carrellata di notizie legate a dei sabotaggi in Francia, ci siamo focalizzati su alcune delle eredità che la pandemia di Covid-19 ci ha purtroppo lasciato. All’interno degli allevamenti intensivi (per la produzione di carne ma anche di pellicce) dell’Olanda e degli Stati Uniti, si sono verificate delle vere e proprie mattanze di milioni di individui, per sospetto contagio degli animali stessi o per eccedenza di “merce” da macello in seguito alla chiusura di alcuni stabilimenti dovuta alla crisi economica. La totale spietatezza di queste operazioni confermano l’idea di mercificazione del vivente che sta dietro allo sfruttamento animale, che rende possibile “smaltire” milioni di vite come fossero dei banali oggetti scomodi o ingombranti. Come se non bastasse, i metodi di uccisione utilizzati sono estremamente atroci, comprendendo l’uso di vere e proprie camere a gas in cui soffocare a morte questi animali.

La pandemia ha reso la nostra quotidianità sempre più tecnologizzata ed irregimentata dentro nuove regole sanitarie, che hanno delle ripercussioni anche sugli sviluppi urbani delle grandi metropoli. Dai droni che spruzzano disinfettante dal cielo ai progetti di riconversione urbana “green” alla moda, queste trasformazioni concorrono a rendere sempre più artificiale, alienata e prevedibile la nostra vita.

Ascolta la puntata qui:




Current track
TITLE
ARTIST