Notte bianca in Clarea

 

 

 

 

 

La cronaca della passeggiata notturna (da notav.info)

ore 21.30: è appena partito il corteo da Giaglione: centinaia di No Tav in direzione del cantiere, pronti a rompere i divieti dell’ordinanza prefettizia.

Ascolta la diretta con Maurizio

notav0

ore 22.15: anche sul sentiero che da Giaglione porta verso la Clarea le forze dell’ordine hanno posizionato dei new jersey per bloccare l’avanzata dei No Tav. Il corteo si è fermato all’altezza del jersey ma non si fa scoraggiare, si alzano forti i cori dei No Tav.

ore 22.30: il corteo si è diviso in tre: una parte dei No Tav è ferma al bivio del sentiero, una al jersey prima della centralina e un’altra in mezzo ai primi due. In tutti e tre i punti si accendono fuochi per riscaldarsi. Dai boschi attorno si intravedono le luci della polizia che presidia la zona.

ore 22.45: la polizia, probabilmente infastidita dal corteo che nonostante divieti ed ostacoli continua ad affollare i sentieri, poco fa ha sparato alcuni lacrimogeni dai sentieri in alto verso i manifestanti. La situazione comunque resta tranquilla e il presidio non arretra. I No Tav si stanno attrezzando per resistere tutta la notte.

ore 23: nuova pioggia di lacrimogeni contro chi prova ad avanzare sul sentiero. Un No Tav è colpito da un lacrimogeno lanciato ad altezza uomo, fortunatamente senza gravi conseguenze.

Ascolta la diretta con Maria

notav1

ore 00.30: la serata di lotta va avanti. Mentre prosegue il presidio ai jersey, sui sentieri si costruiscono barricate. Poco fa la polizia ha di nuovo sparato lacrimogeni, continuando a lanciare ad altezza uomo. Alcuni candelotti sono finiti nel bosco appiccando degli incendi. La situazione resta tranquilla e proseguono i cori: “Resisteremo anche solo un minuto più di loro!”.

Ascolta la diretta con Dana

notav2

ore 00.45: continua la raffica di lacrimogeni da parte della polizia, che ora sta avanzando sul sentiero. I No Tav resistono.

ore 01.00: ancora lacrimogeni sparati ad altezza uomo da una distanza di poche decine di metri, la polizia dà segni di nervosismo.

Ancora un aggiornamento con Dana

notav3

ore 01.30: dopo essere avanzata a colpi di lacrimogeni in direzione del sentiero su cui si trovano i No Tav, la polizia è nuovamente arretrata e la situazione è tornata tranquilla. L’invito rimane quello di raggiungere il presidio attorno al jersey, anche con cibo e bevande calde per affrontare tutti insieme la nottata.

ore 02.15: Ascolta la diretta con Dana

notav4

Durante la notte: verso le 4.00 idranti e lacrimogeni contro chi presidiava, ma si è resistito e la loro azione di disturbo si è interrotta dopo circa un’ora. Alle 6.00 del mattino la polizia è scesa al bivio, occupando con la celere il sentiero principale. I due presidi No tav sono stati quindi divisi con circa 30 persone che sono rimaste ai jersey fino al mattino.

Mattina: la polizia ha cercato convincere i No Tav ad uscire facendosi prima identificare. Nonostante la stanchezza, poiché il blocco della polizia ha impedito i cambi e l’approvvigionamento, in 11 si è deciso di mantenere il presidio ai jersey mentre la restante parte ha preso la via dei boschi aggirando il blocco della polizia.

In attesa del corteo che alle 14 partirà da Giaglione per raggiungere il cantiere…A sarà dura!

 

Potrebbe anche interessarti...