Gap/Claviere: processo ai 4+3 per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina in banda organizzata

Oggi prima udienza a Gap ai solidali colpiti e colpite per le pratiche di solidarietà e contro il sistema delle frontiere.
L’udienza si preannuncia molto lunga ma difficilmente il processo sarà concluso in giornata. Molti i solidali all’esterno del tribunale, per il quale la giudice ha più volte evocato l’udienza a porte chiuse.
Un breve aggiornamento sulla situazione fuori dal tribunale

Alle 15:30 è partita una manifestazione solidale
Alle 17 sono partiti controlli e perquisizioni poliziesche in tutta la regione, anche verso la zona della Durance. La gendarmeria cerca palle di vernice, estintori e stupefacenti

Tutto il podcast della trasmissione settimanale sul sito di radionotav.info, sì tav in passerella, completo di articolo.

Qui il testo di uno dei volantini distribuiti oggi davanti al tribunale, che riassume la vicenda

LA SOLIDARIETÀ NON SI ARRESTA

Il 22 aprile c’è stata una marcia spontanea, una manifestazione contro le frontiere. Contro i fascisti di Generazione Identitaria che dalla sera “presidiavano” la frontiera al Colle della Scala, per impedire ai migranti di arrivare in Francia. E contro la militarizzazione che in quei giorni, come sempre, vedeva militari e gendarmi impegnati a una vera caccia al migrante sui sentieri e sulle strade che dall’Italia giungono in Francia.
La marcia del 22 aprile ha visto centinaia di persone attraversare il confine e arrivare a Briançon. Per una volta, nessunx ha dovuto nascondersi. Per una volta, nessunx ha dovuto rischiare la vita nell’attraversare questa linea immaginaria che però seleziona, divide e uccide.
In centinaia abbiamo camminato sulla strada, per 18 chilometri, da Claviere a Briançon. Nessunx ha chiesto i documenti a nessunx. Nessunx ha identificato, controllato, selezionato chi secondo la legge quel confine poteva o non poteva attraversarlo. Insieme siamo arrivati di là. Insieme, per quel giorno, abbiamo fatto sì che la frontiera non esistesse.

A Briançon 3 persone sono state arrestate e portate in carcere per 11 giorni (e poi altri 25 giorni di obbligo di dimora) con l’accusa di “favoreggiamento all’immigrazione clandestina in banda organizzata”. Qualche mese dopo altre 4 persone sono state accusate dello stesso reato per quella giornata.

Rischiano dieci anni di carcere e 750mila euro di multa.

In questa epoca di fascismi di ritorno, di razzismo diffuso, di strumentalizzazione della paura del diverso, chiamiamo alla solidarietà.

Oggi in questo tribunale ci sarà il processo. Il “Procureur” di Gap, Raphael Balland, da mesi si accanisce contro i solidali. Fermi, garde-à-vue, convocazioni, processi come quello di oggi. Qui a Gap, capoluogo delle Hautes Alpes, ci sono parte dei responsabili delle politiche repressive in frontiera. La prefetta, Cecile Bigot-Dekeyzer, e i suoi ordini di respingimenti. Il Centro Dipartamentale delle Hautes Alpes, che si occupa anche dei minori non accompagnati, i quali, secondo la legge europea, dovrebbero avere diritto al transito. E quindi il centro si impegna particolarmente a de-minoralizzarli, dichiarandoli maggiorenni per poterli buttare in fretta in strada, o respingerli direttamente indietro in Italia
Ed infine il tribunale, che come sempre è impegnato a giudicare chiunque si opponga alle sempre più repressive e discriminatorie leggi statali. Ed è per questo che ci troviamo qua davanti.

La solidarietà non si arresta!

TUTTI E TUTTE LIBERE
BRISONS LES FRONTIERES

corteo all’udienza di Gap




Current track
TITLE
ARTIST