Il caso di Giuseppe Uva

Era la notte tra il 14 e il 15 giugno del 2008, quando i carabinieri di
Varese fermavano Giuseppe Uva e il suo amico Alberto. Giuseppe morì alle
prime ore del mattino, in seguito al pestaggio subito nella caserma di via
Saffi e ad un Trattamento Sanitario Obbligatorio (TSO) non autorizzato. Un
omicidio di Stato che come quelli di Lonzi, Cucchi, Aldrovandi, vuole venire
insabbiato e sterilizzato nei tribunali in cui il potere si auto-assolve.
Alberto, testimone della vicenda e delle grida disperate di Giuseppe, ha
raccontato la sua versione ai microfoni di “bello come una prigione che
brucia”, trasmissione anticarceraria di Radio Blackout.

Ascolta l’intervista con Alberto.

[audio:https://radioblackout.org/wp-content/uploads/2012/01/intervista_Alberto_su_giuseppe_uva.mp3|titles=intervista_Alberto_su_giuseppe_uva]



Current track
TITLE
ARTIST