Macerie su Macerie – 9 febbraio 2018. Inchiesta di capodanno / Storia dalle case popolari

Gli scontri di capodanno davanti alle mura del carcere e il volto tumefatto di una sbirra non potevano rimanere senza colpevoli, così nella mattina di venerdì la Procura di Torino ha spiccato un mandato di cattura per Marcello, compagno originario di Saronno, e altri cinque divieti di dimora con obbligo di firma per Paolo, Salvatore, Antonio, Giulio e Daniele, compagni di Torino.

Abbiamo ricostruito la dinamica dell’arresto di Marcello e il setacciamento mattutino a caccia degli altri imputati, tra la casa occupata di corso Giulio Cesare 45 e l’Asilo.

Intanto la repressione quotidiana in questa città continua, troppo spesso non fa scalpore e resta relegata ai drammi personali di persone e famiglie. Tuttavia qualche volta riceve anche una degna e dignitosa risposta. È il caso della mamma sfrattata appena pochi giorni fa dal suo alloggio in corso Grosseto e che, con l’aiuto di altre persone nella sua stessa condizione e di alcuni solidali, ha occupato di tutta risposta una casa popolare in via Cuneo.

Abbiamo parlato con una delle tante occupanti per ricostruire la propria vicenda, quella della sua amica di corso Grosseto e alcuni retroscena di convivenza tra gli interni cortile dei palazzoni ATC.

Parte 1

Parte 2




Current track
TITLE
ARTIST