where were we (slo-fra) / high on broken jazz

Informazioni evento
Data: 24 Ottobre 2019
Time: 22:00
Evento: https://www.facebook.com/events/761276114315546/
Dettagli

Dove eravamo rimasti? il quartetto nasce nel 2019 sulle strade di Francia e Slowenia.

WARNING_BROKEN JAZZ


______________________________________________________

Da Slowenia provengono Jaka Berger* (batteria preparata) e Jure Borsic** (sassofoni / clarinetti).
Dalla Francia arrivano Timothée Quost*** (tromba / elettronica) e Colin Petit**** (registratori / elettronica).
______________________________________________________

Il batterista Jaka Berger è molto attivo nella scena musicale sloweniana, con cui ha suonato numerose formazioni in un ampio spettro di estetica. I suoi album, solisti e collaborazioni, sono spesso in media specializzati, ed è un improvvisatore molto abile con un suono tutto suo. Il giovane sassofonista e clarinettista Jure Borsic ha anche numerosi progetti da solo, tra cui punk fusion e gruppi jazz gratuiti insieme a gruppi improvvisati ad hoc. Il suo modo di suonare è pesante influenzato dalla tradizione jazz gratuita degli anni ’60 e dai grandi improvvisatori europei, ma anche dai underground generi come noise e derivati ​​punk.

Il trombettista Timothée Quost è una star della scena dell’improvvisazione francese. Il suo ultimo album Prima di Zero Crossing è stato ovulato dalla critica, e ha giocato con molti
formazioni in tutto il mondo. Inoltre officia come compositore, mettendo costantemente in discussione l’uso di improvvisazione nella composizione. L’esecutore elettroacustico Colin Petit suona improvvisazione libera sin dal suo debutto con il sassofono.
Il suo particolare approccio al campionamento live su nastro ha portato a suonare in molte collaborazioni su scene sperimentali europee, in particolare come parte del collettivo RPT di Nancy, che è organizzando molti eventi sulle arti del suono e la cultura fai-da-te. La combinazione di strumenti acustici e registratori a nastro, usando nastri loop e campionamento live, crea una musica fatta di tagli netti, strane scanalature e anelli spezzati. I feedback della tromba si sciolgono con droni elettronici profondi, suoni sorprendenti provengono da tamburi preparati e sassofono birdy modelli.

All’improvviso, sembra che ci sia una sessione di corni completa o un batterista epilettico fantasma in arrivo da nessuna parte! Lo spazio è in costante movimento, l’orecchio è. La musica di Where Were We? è una vera sfida di ascolto: scoprirai dove sono i suoni
come da? O accetterai di perderti nelle guglie del suono? Scopriamolo!
______________________________________________________
*Jaka Berger is one of the most active, creative and verstile drummers, composers and improvisers on slovenian music scene in the last ten years. In 2006 he released his debut album with Samo
Šalamon and Achille Succi for italian label Splasch records. Since 2014 till today he is regulary publishing music for prepared drums that he is constructing by himself. His albums are regulary
reviewed by international media on improvisation and electroacoustic music. He is part of experimental project Partija with visual artist Matej Stupica, member of bands Ludovik Material and Darla Smoking. Performed in independent theatre shows Gremo Vsi!, Novo mesto Readymade and Nein. Toured with EBM legends Borghesia. In 2015 he released an album of graphic composition Treatise by Cornelius Cardew. In 2016 he performed his most complex piece Audiable life stream tentet for ten musicians. In 2017 finished a tour and released second album with international trio with Rieko Okuda and Antti Virtaranta. Currently he is performing free jazz with Mezei Šalamon Berger trio, Džuklje Berger duo and Šalamon Džukljev Berger – Fresh Dust trio, has just released his new electro acoustic album dedicated to composer Morton Feldman with pianist Dejan Berden, Fresh Dust trio album at FMR records UK and integrating modular synth into his preapred drumset.

Jaka Berger è uno dei batteristi, compositori e improvvisatori più attivi, creativi e verstili della scena musicale slovena negli ultimi dieci anni. Nel 2006 ha pubblicato il suo album di debutto con Samo
Šalamon e Achille Succi per l’etichetta italiana Splasch records. Dal 2014 ad oggi pubblica regolarmente musica per batteria preparata che sta costruendo da solo. I suoi album sono regolari
recensito da media internazionali sull’improvvisazione e la musica elettroacustica. Fa parte del progetto sperimentale Partija con l’artista visivo Matej Stupica, membro delle band Ludovik Material e Darla Smoking. Si è esibito in spettacoli teatrali indipendenti Gremo Vsi !, Novo mesto Readymade e Nein. Girato con le leggende di EBM Borghesia. Nel 2015 ha pubblicato un album di composizione grafica Treatise di Cornelius Cardew. Nel 2016 ha eseguito il suo pezzo più complesso di tentativi di vita affidabile per dieci musicisti. Nel 2017 ha terminato un tour e pubblicato il secondo album con trio internazionale con Rieko Okuda e Antti Virtaranta. Attualmente si esibisce in free jazz con il trio Mezei Šalamon Berger, il duo Džuklje Berger e il trio Šalamon Džukljev Berger – Fresh Dust, ha appena pubblicato il suo nuovo album elettroacustico dedicato al compositore Morton Feldman con il pianista Dejan Berden, l’album trio Fresh Dust presso FMR Records UK e l’integrazione del synth modulare nel suo set di batteria.

www.brgstime.bandcamp.com
https://www.tinymixtapes.com/chocolate-grinder/listen-brgs-second-dance
http://www.thesoundprojector.com/2017/10/25/slovenian-snare/
https://weneednoswords.wordpress.com/2017/05/08/brgs-fragments-of-the-present/
http://www.vitalweekly.net/1070.html
http://www.vitalweekly.net/1016.html

**Jure Boršič (1994) is a Slovenian saxophonist of youngest generation living between Nova Gorica and Ljubljana.
After playing clarinet in local orchestra as a kid, he started to get interested in jazz music and passed the entrance exams to Conservatory of music and ballet in Ljubljana- jazz saxophone (prof.
Klemen Kotar). Due to very narrow and conservative orientation of the school (students included) he dropped out after two years, and joined a jazz-core group Koromač in his hometown. Soon after he also joined Kombo school led by drummer Zlatko Kaučič.
After few years of gigs and some recordings (Kombo B, Koromač, Apadopulus BIBI, open collective Alchemical Playgrounds, Eht Zeđ,…) he decided to study at Conservatorio Giuseppe Tartini in Ì Trieste (prof. Klaus Gesing), but dropped out also, moved to Ljubljana and started to work on his saxophone alone, with occasional tutorings by Boštjan Simon, Daniele D’Agaro or whoever
available. His other current projects are Koromač (new album coming out this fall), Kombo B, TiTiTi, Oholo!, Alchemical Playgrounds sessions and DoubleDouble. He’s also a member of Orkester Brez Meja/Orchestra Senza Confini, Cultural association ‘Zvočni Izviri’ and organization teams of Improbiro- congress of free music in Goriška and Fri-Fru-Fra concert series. He played in festivals like Jazz Cerkno, Brda contemporary music festival, Festival of Slovenian jazz, Sajeta, Trnje, Bučno, Radio Student’s Club marathon and a few little festivals in Italy.

Jure Boršič (1994) è un sassofonista sloveno di generazione più giovane che vive tra Nova Gorica e Lubiana.
Dopo aver suonato il clarinetto nell’orchestra locale da bambino, ha iniziato ad interessarsi alla musica jazz e ha superato gli esami di ammissione al Conservatorio di musica e balletto nel sassofono jazz di Lubiana (prof.
Klemen Kotar). A causa dell’orientamento molto ristretto e conservatore della scuola (studenti inclusi), dopo due anni si ritirò e si unì a un gruppo jazz core Koromač nella sua città natale. Poco dopo si unì anche alla scuola di Kombo guidata dal batterista Zlatko Kaučič.
Dopo alcuni anni di concerti e alcune registrazioni (Kombo B, Koromač, Apadopulus BIBI, Open Alchemical Playgrounds, Eht Zeđ, …) ha deciso di studiare al Conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste (prof. Klaus Gesing), ma ha abbandonato gli studi inoltre, si trasferì a Lubiana e iniziò a lavorare sul suo sassofono da solo, con lezioni occasionali di Boštjan Simon, Daniele D’Agaro o chiunque
a disposizione. Gli altri suoi progetti attuali sono Koromač (nuovo album che uscirà in autunno), Kombo B, TiTiTi, Oholo!, Sessioni di Alchemical Playgrounds e DoubleDouble. È anche membro dell’Orkester Brez Meja / Orchestra Senza Confini, dell’associazione culturale “Zvočni Izviri” e dei gruppi organizzativi dell’Improbiro – congresso di musica libera a Goriška e serie di concerti Fri-Fru-Fra. Ha suonato in festival come Jazz Cerkno, Brda festival di musica contemporanea, Festival del jazz sloveno, Sajeta, Trnje, Bučno, la maratona del Radio Student’s Club e alcuni piccoli festival in Italia.

https://alchemicalplaygrounds.bandcamp.com
https://koromach.bandcamp.com/
https://www.facebook.com/Improbiro/
______________________________________________________
***Graduated with a master’s degree in jazz and improvised music in the CNSM of Paris as well as a DEM of classical trumpet, Timothée Quost affirms himself above all as a composer and band leader.
Whether with his sextet Quostet (winner of the springboard in the festival Jazz à Vannes, winner of “Jazz en Scène”, commissioned by the CRJ, and also two albums released), the ensemble LIKEN
founded in partnership with conductor Léo Margue (whose creation GRAND MASQUE won the first composition prize of the San Marino festival), or the Matterhorn cycle of projects, this young
musician develops a very personal approach to composition, constantly questioning the place of improvisation in the writing and feeding his work as much on contemporary classical music as on new forms of music such as contemporary jazz, rock, free improvisation, hip-hop … He is currently IN residence for two years at the Rhythmic Music Conservatory of Copenhagen where he undertakes the creation of a transverse orchestra, a real bridge between classical, contemporary and current
practices. Trumpet player, Timothée has toured the jazz clubs and festivals of France, performing in the Umlaut Big-band, the Surnatural Orchestra, the National Jazz Orchestra, etc … before focusing on free improvisation. Today at the heart of his practice as an instrumentalist, improvisation becomes the source of his own language, turning his trumpet into a real sound tube from which he extracts breaths, percussions, larsen melodies… Always anxious to diffuse a challenging music to an untrained public, Timothée Quost multiplies actions of mediation. He is also co-founder of the VIF festival, in Burgundy.

Laureato con un master in jazz e musica improvvisata nel CNSM di Parigi, nonché un DEM di tromba classica, Timothée Quost si afferma soprattutto come compositore e leader della band.
Sia con il suo sestetto Quostet (vincitore del trampolino di lancio del festival Jazz à Vannes, vincitore di “Jazz en Scène”, commissionato dal CRJ, sia anche due album pubblicati), l’ensemble LIKEN
fondato in collaborazione con il direttore Léo Margue (la cui creazione GRAND MASQUE ha vinto il primo premio di composizione del festival di San Marino), o il ciclo di progetti del Cervino, questo giovane
il musicista sviluppa un approccio molto personale alla composizione, mettendo costantemente in discussione il posto dell’improvvisazione nella scrittura e alimentando il suo lavoro tanto sulla musica classica contemporanea quanto su nuove forme di musica come il jazz contemporaneo, il rock, l’improvvisazione libera, l’hip-hop … Attualmente è in residenza da due anni al Conservatorio di musica ritmica di Copenaghen, dove intraprende la creazione di un’orchestra trasversale, un vero ponte tra classico, contemporaneo e attuale
pratiche. Timothée, suonatore di tromba, ha fatto tournée nei jazz club e nei festival della Francia, esibendosi nella Big band degli Umlaut, nell’Orchestra di Campionato, nella National Jazz Orchestra, ecc … prima di concentrarsi sull’improvvisazione gratuita. Oggi al centro della sua pratica di strumentista, l’improvvisazione diventa la fonte del suo linguaggio, trasformando la sua tromba in un vero tubo sonoro da cui estrae respiri, percussioni, melodie volgari … Sempre ansioso di diffondere una musica stimolante in un pubblico non addestrato, Timothée Quost moltiplica le azioni di mediazione. È anche co-fondatore del festival VIF, in Borgogna.

www.tquost.com

****Colin Petit is an improviser, saxophone player, electro-acoustic musician and a pedagogue. He started to play saxophone in Nancy, discovering improvisation among musicians of the collective EMIL13 (« musical and improvised experiences in Lorraine »). He graduated in Strasbourg’s Music High School in 2012, in the Improvised Music Department. There he sharpened his approach of free improvisation, progressively leaving the melodic/harmonic structures to find his own way through noisy and gestual approach of sound. There he started to experiment real-time sound ingeneering tools, first by working on computer sound devices (with tools like PureData or Max/MSP), then taking more interest in analog devices, by discovering the very work on reel-to-reel tape recorders, on which he developped a very personal instrumental gesture. His experimental approach of music lead him to collaborate with various artists of different kinds of
medium, such as video artists, dancers, visual artists… As a member of the french-based collective RPT, he has played in many places in Europe with several project, like his solo project STATUS or
the duo Demain Damas, and a lot of one-shot collaborations with artists like Jean-François Laporte, Kazehito Seki or Johannes Bergmark among others. He is part of the organizing team of Le Ressort, promoting cultural diffusion in the coutryside of Roanne (his hometown) and of the Nancy Blast Frustration festival in Nancy.
Very involved in transmitting the love of sound, he also graduated in the CFMI (« Intervention Musicians Formation Center ») in Lyon 2 University. Among others, he develops several projects in kindergartens and elementary schools, mostly in countryside or peri-urban schools, in which Ncreation and improvisation are major components.

Colin Petit è un improvvisatore, un sassofonista, un musicista elettroacustico e un pedagogo. Ha iniziato a suonare il sassofono a Nancy, scoprendo l’improvvisazione tra i musicisti del collettivo EMIL13 («esperienze musicali e improvvisate in Lorena»). Si è diplomato al liceo musicale di Strasburgo nel 2012, nel dipartimento di musica improvvisata. Lì ha affinato il suo approccio alla libera improvvisazione, lasciando progressivamente le strutture melodiche / armoniche a trovare la propria strada attraverso un approccio rumoroso e gestuale del suono. Lì ha iniziato a sperimentare strumenti di ingegneria del suono in tempo reale, prima lavorando su dispositivi audio per computer (con strumenti come PureData o Max / MSP), quindi interessandosi maggiormente ai dispositivi analogici, scoprendo il lavoro stesso sul nastro bobina a bobina registratori, sui quali ha sviluppato un gesto strumentale molto personale. Il suo approccio sperimentale alla musica lo porta a collaborare con vari artisti di diversi tipi di
media, come artisti video, ballerini, artisti visivi … Come membro del collettivo francese RPT, ha suonato in molti posti in Europa con diversi progetti, come il suo progetto solista STATUS o
il duo Demain Damas e molte collaborazioni one-shot con artisti come Jean-François Laporte, Kazehito Seki o Johannes Bergmark tra gli altri. Fa parte del team organizzativo di Le Ressort, promuovendo la diffusione culturale nella campagna di Roanne (la sua città natale) e del festival Nancy Blast Frustration di Nancy.
Molto coinvolto nella trasmissione dell’amore per il suono, si è anche laureato al CFMI («Centro di formazione per musicisti di intervento») all’Università di Lione 2. Tra gli altri, sviluppa diversi progetti nelle scuole materne e elementari, principalmente nelle scuole di campagna o peri-urbane, in cui la creazione e l’improvvisazione sono componenti principali.

https://status-noise.bandcamp.com/releases
https://demaindamas.bandcamp.com/
https://www.youtube.com/watch?v=7QCe14Ohqo4
https://reactionpowertrio.tumblr.com/

Current track
TITLE
ARTIST