Chavez. Nè lutto né festa

La morte del presidente venezuelano Hugo Chavez ha suscitato grandi emozioni, specie tra i poveri del suo paese e nella sinistra internazionale orfana di eroi.
Sempre attuale l’ammonimento del Galileo brechtiano sulle epoche che hanno bisogno di eroi, più interessante analizzare l’avventura chavista partendo dalla materialità delle condizioni politiche e sociali della popolazione venezuelana. Ne emerge un quadro contraddittorio, dove i miglioramenti sociali si mischiano con autoritarismo, corruzione e violenza.
I compagni venezuelani de El Libertario hanno scritto che la morte di Chavez non rappresenta né un lutto né una festa.
L’auspicio è che la speranza di libertà e giustizia sociale dei poveri venezuelani, confiscate dal conducator nazional popolare, riesca ad innescare percorsi di autonomia sociale e politica, capaci di dare il via ad una trasformazione di segno libertario della società venezuelana.Ascolta l’analisi di Massimo, un compagno che conosce bene la realtà sudamericana 2013 03 07 chavez




Current track
TITLE
ARTIST