La Perla di Labuan -17 gennaio 2018 – Eros a fumetti

La prima fu Betty Boop (cartone animato nel 1931 e fumetto nel 1934), ciglia lunghissime, vezzose giarrettiere e riccioli spagnoleggianti, ma le associazioni puritane insorsero e Max Fleisher fu costretto a “uccidere” la sua creatura. Fu il primo incontro tra il fumetto e la censura. Da questa parte dell’oceano nel 1932 i lettori londinesi del “Daily Mirror” scoprirono “Il diario di una splendida cosa bionda” con le avventura di Jane, vittima ogni giorno di un incidente che le strappava di dosso tutti o parte dei vestiti. L’immagine di Jane accompagnò i soldati britannici in guerra in tutte le camerate, all’interno degli aerei e dei carri amati. Poi ci furono le “eterne fidanzate” la cui principale occupazione era mettersi nei guai, spogliate e frustate, per permettere al loro eroe di salvarle, e le tarzanelle come Sheena, Nyoka e Zegra. Anche l’Italia nel 1948 ebbe la sua tarzanella, Pantera Bionda che indossava una sorta di bikini leopardato ed ebbe un successo strepitoso. La censura la obbligò ad allungare l’abito e le vendite crollarono. Nel 1962 Jean-Claude Forest creò, con il volto di Brigitte Bardot, la disinibita Barbarella che non disdegnava alieni e robot, la prima di altre eroine “spaziali” (Alika, Uranella, Scarlett Dream). Un capitolo a parte sono le bellissime e perverse del “fumetto per adulti” italiano, la prima fu Isabella duchessa dei Diavoli che uscì il 2 aprile 1966 seguita da tante altre (vampire, piratesse, pistolere ecc.) che affollarono le edicole per 20 anni, tra processi, sequestri e polemiche. La distinzione tra fumetto erotico popolare (scritto e disegnato in fretta su carta scadente) e raffinato, colorato e patinato (destinato alle librerie) ) é esclusiva del mercato italiano, sconosciuta altrove. Ma anche in Italia il confine é labile, poiché molti artisti di livello internazionale cominciarono e si fecero le ossa con le disprezzate eroine da edicola, uno di questi è Milo Manara. Si parla anche di Gwendoline e del bondage, con la rivisita “Bizarre”, Marie Gabrielle di Georges Pichard, Valentina di Guido Crepax, Necron di Magnus (Roberto Raviola), Druuna di Paolo Eleuteri Serpieri. Buon ascolto.

Per chi vuole saperne di più:
Fortunato Latella (a cura di) “Le Regine della Giungla” ANAF
Sergio Rossi (a cura di) “Maledette, vi amerò – Le grandi eroine del fumetto erotico italiano”
Fabio Giovannini, Antonio Tentori “Bellissime e perverse – Le sexy eroine del fumetto horror ed erotico italiano”

Unknown

Unknown

Unknown




Current track
TITLE
ARTIST