Nafarroa,nel cuore dei Paesi Baschi,nel cuore della Questione Basca

La Navarra -Nafarroa in lingua autoctona- come chiave della questione basca.  Nel cuore delle terre basche, da sempre contesa e assimilata dallo Stato Spagnolo, dalla sua conquista nel 1512, passando per le guerra carliste nell’800, la repressione durissima del franchismo spagnolo, sino ad arrivare ai giorni nostri. Repressione politica e militare, con centinaia di sparizioni, deportazioni delle popolazioni bascofone e ribelli nella prima metà del novecento, arresti sommari, illegalizzazioni e accanimento mediatico contro i “rojos vasquistas”, oggi. Colonialismo e genocidio culturale contro tradizione, lingua, usanze e tradizioni dei baschi di Navarra.

Non molto è cambiato ai giorni nostri, con lo Stato Spagnolo che decide di imporre il TAV che traforerebbe le vallate navarrine,  “battendo i piedi” e facendone una questione di unità nazionale ( Qualcosa di molto simile a quanto accade in ValSusa e la larghe intese PD,PdL e Lega ), reprimendo qualsiasi dissenso all’opera e portando a processo attivisti No Tav -fra cui un sindaco- con l’accusa di attentato per aver lanciato una torta in faccia alla governatrice della regione.  Non ultime la notizia degli arresti ai giovani compagn* che durante l ‘inaugurazione delle festività di San Fermin a Iruña, avevano fatto calare sulla piazza, un enorme ikurriña, la bandiera basca, illegale in tutta la regione di Navarra. Piegare la Navarra per piegare il Movimento di Liberazione Nazionale e Sociale Basco tutto, le sue lotte e il suo appoggio popolare.

Di questo e molto altro, abbiamo parlato con un compagno basco di Nafarroa, nella scorsa puntata

Nafarroa




Current track
TITLE
ARTIST