Abilitate quando serve, licenziate quando conviene: le maestre fanno resistenza

Scritto dasu 11 gennaio 2018

Il torpore delle vacanze natalizie è stato rotto dalla mobilitazione delle maestre diplomate, a cui una sentenza del Consiglio di Stato ha tolto la possibilità di essere inserite in graduatoria e quindi passare di ruolo. Un licenziamento mascherato per 60’000 insegnanti che hanno contribuito, tra mille difficoltà, a mandare avanti la scuola pubblica in questi anni di tagli e crisi. Ora, anche a causa di una sentenza europea che impone all’Italia di non infliggere più di 36 mesi di precariato ai dipendenti pubblici. Invece di liberarsi della precarietà, però, il nostro paese ha deciso di liberarsi dei precari.


Abbiamo parlato della mobilitazione con una maestra di Settimo torinese

carmen


Current track
TITLE
ARTIST