Anche a Bologna il lager si chiama Cie

Scritto dasu 29 Marzo 2012

Due settimana fa un giovane poco più che ventenne rinchiuso nel Cie di Bologna, è morto denunciando con il suo atto l’impossibilità di tollerare una detenzione come quella a cui moltissimi stranieri sono costretti  a subire per un tempo che può arrivare fino a 18 mesi, “colpevoli”, secondo le leggi razziste e securitarie di questo paese, di non essere in possesso di un pezzo di carta. La testimonianza raccolta in una diretta con un recluso nel Cie di Bologna denuncia la realtà: i Cie sono , al pari dei lager, dei gironi infernali.

[audio:https://radioblackout.org/wp-content/uploads/2012/03/diretta-con-detenuto-dal-CIE-di-bologna-29-03-2012.mp3|titles=diretta con detenuto dal CIE di bologna 29-03-2012]  Scarica il file

Contrassegnato come:

Continua a leggere

Current track
TITLE
ARTIST