Stupro di gruppo, no all’obbligo del carcere

Scritto dasu 15 Marzo 2012

Nei procedimenti per violenza sessuale di gruppo, il giudice non è più obbligato a disporre o a mantenere la custodia in carcere dell’indagato, ma può applicare misure cautelari alternative. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, dando un’ interprestazione estensiva ad una sentenza della Corte Costituzionale del 2010. Una decisione che ha scatenato la reazione di molte donne. Ne abbiamo parlato conChiara del collettivo Medea [audio:https://radioblackout.org/wp-content/uploads/2012/03/chiara.mp3|titles=chiara] Scarica file


Continua a leggere

Current track
TITLE
ARTIST