Terzo valico: il Tar rigetta la richiesta di sospensione degli espropri

Scritto dasu 16 Luglio 2012

E’ arrivata sabato la pronuncia del Tar Piemonte sulla richiesta di sospensiva di urgenza degli espropri formulata dagli avvocati del Movimento No Tav – Terzo Valico. Nel dispositivo emesso a riguardo, viene rigettata la domanda cautelare e viene specificato che il decreto sarà eseguito dall’Amministrazione. Ma la sentenza non sembra essere definitiva visto che il giorno 27 Luglio vi sarà la camera di consiglio in cui verrà ridiscusso se concedere la sospensione degli espropri.
Nel merito, lascia basiti poichè viene capovolta la realtà definendo la prosecuzione dei lavori del Terzo Valico un interesse generale e la battaglia dei cittadini in difesa della propria terra un interesse patrimoniale.
In realtà il Terzo Valico è un interesse privato di chi dovrebbe costruirlo e spartirsi la grande torta da 6,2 Miliardi a fronte dell’inutilità conclamata dell’opera, mentre i cittadini che protestano lo fanno per difendere un l’interesse collettivo, della comunità tutta, a non vedere distrutto il proprio territorio, le sorgenti d’acqua, gli acquedotti e a non dover respirare per anni fibre di amianto.
Intanto sin dalle prime ore del mattino oggi ad Arquata varie persone si stanno radunando per contrastare i possibili espropri di oggi. Il Cociv, incaricato di eseguire gli espropri, è atteso per le 14 di oggi.

Ascolta la diretta con Claudio del Comitato NoTav – Terzo valico di Arquata

 

[audio:https://radioblackout.org/wp-content/uploads/2012/07/claudio_comitato_arquata.mp3|titles=claudio_comitato_arquata]

Scarica il file


Current track
TITLE
ARTIST