Invalsi: test invalidabili

Scritto dasu 9 Maggio 2013

20130509_invalsi_no

Invalsi è un sistema europeo di controllo della preparazione dei discenti, subordinata a parametri indicati dall’alto e avulsi dalla realtà, impattando sulla libertà dell’insegnamento; si fa da anni, la novità è che dall’8 marzo Profumo, dimissionario, ha decretato che sulla base dei risultati di questo mezzuccio senza basi scientifiche vengono valutati gli istituti. Da Berlinguer a Profumo ciascuno ci ha messo del suo fino a cercare di far funzionare questo sistema utile solo per accentuare la forza della scuola privata e risparmiare individuando sacche di dipendenti che non servono per fabbricare il consenso utilizzando l’insegnamento per livellare in basso; sappiamo che la scuola dove è radicato l’invalsi non insegna più ma cerca solo di far superare test, livellati verso il basso; si arriva all’aberrazione di classi differenziali per legge nei giorni dell’invalsi, perché i diversamente abili sono collocati in classi a parte. Senza considerare gli errori marchiani sia in somministrazione che in correzione. I docenti non sono però obbligati a farlo perché prima sono stati invitati a collaborare e a dare la disponibilità, ma poi quelli coinvolti sono gli istituti, serve di più uno sciopero aggirabile da crumiri o il boicottaggio?

Cub e Cobas hanno indetto scioperi per il 7 maggio nella scuola primaria, il 14 e il 16 nelle secondarie: abbiamo sentito Cosimo Scarinzi per sentire quali  strumenti sono stati proposti dal sindacato per invalidare le prove e verificare i risultati

20130509invalsi_cosimo


Current track
TITLE
ARTIST