Nuovo picchetti alla Granarolo di Bologna

Scritto dasu 29 Ottobre 2013

BXtbWV9CUAALcZZRipartono le proteste alla Granarolo di Bologna, impresa produttrice di latte e derivati, al centro di una vertenza molto dura intentata dai lavoratori con picchetti e blocco all’uscita dei mezzi (si era parlato, all’epoca, di “sciopero del cappuccino” per la penuria di latte nei bar bolognesi).

L’accordo estivo raggiunto dopo una lunga lotta prevedeva la riassunzione dei 51 facchini licenziati per rapprersaglia anti-sindacale per aver partecipato a uno sciopero per il miglioramento delle condizioni di lavoro.

A oggi non sono stati rispettati gli accordi per il reintegro complessivo dei lavoratori: solo 9 su 51 sono stati riassunti. Per questo, oggi, un picchetto di circa 80 persone ha bloccato l’uscita degli automezzi dalle 2 alle 6 del mattino, per riaprire la vertenze e ottenere il pieno adempimento dell’accordo preso.

Una cronaca del picchetto con Checco del Laboratorio occupato Crash! di Bologna:

checco_granarolo

Contrassegnato come:

Current track
TITLE
ARTIST