Logistica: la lotta dei facchini della Frigoscandia

Scritto dasu 31 Marzo 2014

10154157_1390887931187680_1112635346_n

Si è svolto nella mattinata di Giovedì 27 marzo ’14, lo sciopero con presidio davanti ai cancelli della ditta Frigoscandia di Cornaredo (Mi)
Questa ditta lavora nella movimentazione del fresco per alcune delle maggiori catene della GDO, pur avendo dei propri dipendenti , ovviamente, ha affidato alle cooperative il carico e scarico delle merci e la preparazione dei bancali.
I facchini lavorano in condizioni precarie, con bassi salari, senza diritti e senza le condizioni minime di sicurezza. Nelle celle frigorifere a 35-40 gradi sotto zero, spesso, come riferitoci da loro stessi, con guanti e stivali rotti.
 In questi giorni va in scena quello che avviene in tutti gli appalti della logistica: cambio di cooperativa con il beneplacito di Cgil,cisl,uil e licenziamento dei facchini che non servono più. Infatti proprio in questi giorni 15 lavoratori della cooperativa Cogema restano fuori dal nuovo appalto che dal primo aprile passa alla cooperativa SIGI.
Licenziati il 25 marzo’14 nello stesso giorno in cui la Frigoscandia,(nella persona dell’A.D.), le coop e i sindacati confederali firmano il cambio d’appalto accettando di lasciare fuori una parte di facchini.
I licenziamenti sono arrivati per una contestazione disciplinare su discordanze di orario a lavoratori che sono presenti da tantissimi anni nel sito di Frigoscandia, senza mai avere avuto un provvedimento.
Mentre in questo anno e mezzo di presenza nel sito la coop ha pagato in nero, non ha rispettato il ccnl e non ha versato i contributi. Tutto ovviamente sempre con il consenso della CGIL.
Ci racconta questa lotta Davide del Si Cobas

Current track
TITLE
ARTIST