Salute sul lavoro, il caso Olivetti

Scritto dasu 3 Ottobre 2014

LAJR8MFB3000-1345-kceG-U102010964250104UE-330x185@LaStampa.it

Un nuovo processo sugli infortuni e le malattie del lavoro vede la settimana scorsa la chiusura delle indagini, questa volta riguarda l’Olivetti di Ivrea, e si parla anche in questo caso di amianto. Avviso di chiusura indagini per i 39 indagati, tra i quali Carlo, Franco e Rodolfo De Benedetti,  Roberto Colaninno e Corrado Passera. Si procede per omicidio colposo. Le indagini sono concentrate sui decessi di una ventina di lavoratori, avvenuti dopo la pensione, tra il 2008 e i primi mesi di quest’anno. Si tratta di dipendenti che tra la fine degli anni settanta e il ’90 avevano lavorato in reparti contaminati da fibre di amianto e che successivamente si sono ammalati di mesotelioma pleurico.  I magistrati eporediesi procedono per lesioni e omicidio colposo in relazione alle malattie, di sospetta origine professionale.

Di questo e altre strategie che i lavoratori ed i loro famigliari si trovano costretti ad intrapprendere nella lotta per difendersi dalle nocività e gli infortuni sul luogo di lavoro parliamo con Michele Michelino: Michele-salutelavoro


Current track
TITLE
ARTIST