“Tu sì, Tu no!” Chi entra all’Expo lo decide la Questura

Scritto dasu 16 settembre 2015

Due collaboratori milanesi dell’emittente di comunicazione antagonista Radio Onda d’Urto si sono visti negare l’accesso ai padiglioni dell’Expo. Interessati a condurre un’inchiesta sulle condizioni di lavoro all’interno dei locali del maxi-evento, hanno attraversato da mesi una lunga trafila burocratica per l’ottenimento del pass. Ma dopo tanto penare, ai tornelli d’ingresso, si sono visti negare l’accesso.

Andrea Cegna e Alberto di Monte (Abo) non sono ospiti graditi della maxi-kermesse diventata palcoscenico ideale del governo Renzi, oltreché paradigma delle relazioni lavorative a venire. “Dopo 4 mesi di attesa arriva l’ok da Expo2015 per il mio Pass, arriviamo in ufficio accrediti: negato dalla questura” racconta sul profilo Twitter uno dei due attivisti.

Questo il testo della mail con cui l’Expo autorizzava l’ingresso a due giornalisti scomodi:

Buongiorno,

vi informiamo che lo status della richiesta di accredito per conto di Andrea Cegna e Alberto di Monte risulta approvato. Potranno ritirare il loro pass presso il Centro Accrediti situato nel mezzanino della metropolitana (Linea 1) fermata Rho Fiera Expo, aperto tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 21. Per procedere al ritiro sarà necessario esibire un documento d’identità in corso di validità. Vi informiamo, inoltre, che sarà possibile rinnovarlo (per 7 giorni e per un massimo di 3 volte) sempre presso il Centro Accrediti. Grazie e buon lavoro,

Expo Milano 2015

Presentatisi  la mattina di martedì 15 settembre al Centro Accrediti di Expo per ritirare il pass si sono sentiti dire che i loro pass “non sono stampabili”. Dopo lungo tergiversare, arriva infine la verità: a ritenere i due ospiti non graditi è la stessa Questura di Milano. Dopo gli episodi dei lavoratori a cui, nei mesi scorsi, il pass per accedere a Expo e’ stato negato, la sovrapposizione tra funzioni di Polizia, interesse del capitale investito in Expo ed elite politiche risultano sempre più evidenti. Di Expo si può parlare solo bene! Del resto, come ha scritto bene qualcuno, “sia le crisi economiche che i grandi eventi sono diventati i laboratori per un salto in avanti del controllo poliziesco-giudiziario”

Abbiamo fatto alcune considerazioni sull’accaduto con Abo

abo_expo_noEntry

Contrassegnato come:

Current track
TITLE
ARTIST