7 maggio: Brennero non è sinonimo di frontiera (aggiornamento)

Scritto dasu 6 Maggio 2016

Alle 15 la situazione al valico del Brennero era questa nei racconti dei partecipanti alla manifestazione “Abbattere le frontiere”:

Manifestazione al Brennero

 

Nuova diretta alle 16,30, dopo alcuni fermi e cariche da parte della polizia italiana, mentre i compagni si stanno smarcando dal tentativo di dividere i gruppi di manifestanti; intanto l’autostrada è bloccata:

Destroy the border

 

———————————————-

Domani 7 maggio 2016 al Brennero prenderà corpo la contrapposizione all’idea di nazionalismo, di frontiera, ai muri innanzitutto mentali contro il libero transito delle persone, una manifestazione che non vede nulla di concordato con le autorità di alcun paese e che intende non riconoscere l’erezione di barriere di alcun tipo in una terra in cui persino le istituzioni come il presidente della regione nelle interviste cita il multiculturalismo come un tratto storico del territorio (salvo poi rivendicare il diritto a operare rimpatri, “quando necessario”).

Cosa ci si aspetta da questa giornata? che metta un po’ di peso all’interno di un percorso per abbattere le frontiere in Europa e nel mondo, come è scaturito anche dalla giornata di preparazione avvenuta il 4 maggio: appuntamento interessante perché proveniente dall’esterno del gruppo che il 20 aprile aveva indetto il presidio, considerata utile per avere elementi più precisi sulle infrastrutture legate all’intervento dello stato nella direzione della chiusura ermetica di un territorio.

I controlli sono stati rafforzati a sud, a Bolzano e quindi migranti non ce ne sono ora nemmeno nei centri detentivi di accoglienza concentrazionaria e l’ipocrisia è grande da parte dei governi quando si va a vedere che le operazioni congiunte di polizia sono in corso ormai quasi da un anno e gli sbirri austro-tedeschi fanno operazioni congiunte in territorio italiano dall’estate, con impedimenti alla mobilità operati con criteri razzisti dettati dallla pigmentazione della pelle; il vero problema per loro è la circolazione delle merci senza impedimenti.

Nel podcast allegato trovate alcune considerazioni e le ultime informazioni utili alla vigilia di questo appuntamento, che chiama alla presenza alle 14,30 alla stazione dei treni del Brennero, o in alternativa a un percorso di avvicinamento collettivo a partire dalle 11 dalla stazione dei treni di Trento, come sentite dalla viva voce di Massimo.

brennero


Continua a leggere

Prossimi articoli

Fine pena mai?


Thumbnail
Current track
TITLE
ARTIST