Strasburgo condanna lo Stato spagnolo per “trattamenti disumani”

Scritto dasu 15 Febbraio 2018

Il Tribunale europeo per i diritti umani ha condannato lo Stato spagnolo a indennizzare con 30 mila e 20 mila euro Igor Portu e Mattin Sarasola (detenuti nel 2008 e ancora in carcere) per “danni morali”, dando così un dura colpo agli apparati dello Stato, dopo che il Tribunale supremo spagnolo assolse le guardie civil che erano stati condannati dal Tribunale della regione basca Guipuzkoa, per aver torturato i due giovani baschi. I due, torturati durante l’arresto e in carcere hanno portato avanti una battaglia che li ha portati alla sentenza del Tribunale di Strasburgo sancendo di fatto che Portu e Sarasola sono stati vittime di un “trattamento disumano e degradante”. Una sentenza importante che rappresenta un salto qualitativo che stabilisce delle responsabilità chiare e chiarisce il modus operandi dello Stato spagnolo che continua a torturare in completa impunità. Ad ora ci sono infatti almeno 4mila casi di tortura i cui torturatori rimangono nell’ombra.

Ne abbiamo parlato con Nicola Latorre, nostro corrispondente da Bilbao

Nicola Latorre


Current track
TITLE
ARTIST