Istanbul: le elezioni si ripetono finché non vince il Sultano

Scritto dasu 11 Maggio 2019

Reclama, reclama… prima o poi troverai il cavillo.

In questa settimana nel silenzio più assordante da parte del mondo, sempre pronto a rilevare altrove elementi di tradimento della prassi democratica occidentale, si è consumato un beffardo stravolgimento della messinscena elettorale nella scelta del sindaco dell’area metropolitana di Istanbul, uno scranno essenziale per il sistema clientelare di potere di Erdogan, sia confessionale attraverso le elargizioni, prebende e flussi di denaro incanalato verso fondazioni religiose controllate dalla famiglia presidenziale, sia infrastrutturale, con la distribuzione sempre alle stesse ditte dei molti appalti per opere inutili e nocive.

Semplicemente si sono invalidate le elezioni perché le aveva vinte chi non doveva permettersi di farlo (Ekrem Imamoglu), aveva intaccato il controllo sulla città del Bosforo che da 25 anni è appannaggio dell’Akp coi partiti fondamentalisti. Si sono fatte carte false, si è negata l’evidenza di una macchina elettorale accusata di non essere stata insediata a norma di legge, giudicando “non ammissibili” 20000 persone impiegate nei seggi, ma solo per la consultazione riguardante il sindaco e non per le circoscrizioni o le municipalità che vanno a formare la grande Istanbul, eppure si tratta delle medesime commissioni elettorali.

Ecco una cronaca di come si è svolto il colpo di mano del regime e come si torni a votare in una campagna mediatica drogata e minacciosa il 23 giugno dopo l’invalidamento del voto del 31 marzo e un’analisi esposta da Murat Cinar della situazione economica e militare di una Turchia spolpata dal Sultano, che da 20 anni continua a alzare l’asticella del tollerabile da parte di una forza reazionaria, esattamente come sta avvenendo in Italia, dove il progetto sovranista prende spunto dalle strategie messe in atto da Erdogan in questi anni, adattandole alla cultura locale.

“Non ammissibile” è l’assenza di vergogna del sistema Erdogan


Continua a leggere

Current track
TITLE
ARTIST