Tornando al contrasto al Muos

Scritto dasu 17 Giugno 2019

Il movimento NoMuos prosegue le mobilitazioni con la manifestazione regionale in preparazione del Campeggio NoMuos 2019 a Niscemi, nel presidio permanente, dal 2 al 4 Agosto.

Il 21 Giugno a Catania è indetta una manifestazione per riportare dopo tanto tempo le rivendicazioni di questa lotta nelle strade della città, per parlare di antimperialismo ed antimilitarismo, di devastazione ambientale, di ambientalismo e anticapitalismo, di guerre e immigrazione, come già è avvenuto mercoledì scorso in un convegno su questi temi più legati all’antimilitarismo e di cui ci ha parlato Fabio venerdì dai nostri microfoni
Sono questi gli elementi che caratterizzeranno questa grande manifestazione che sfilerà lungo le vie principali di una città martoriata, in pieno dissesto economico, con un tasso di disoccupazione elevatissimo, ricca di giovani che sono però costretti ad emigrare, perché mancano servizi, la santità non è delle migliori, il lavoro non si trova, ed anche chi ce l’ha è costretto a vivere una vita precaria, tra contratti saltuari e stipendi che non arrivano.
Come se non bastasse il mondo dell’istruzione oggi valorizza le campagne di militarizzazione delle scuole, portando i bambini a fare le gite nelle basi militari – o facendogli indossare una bella divisa con tanto di scudo e manganello – e facendo i congressi nelle università spiegando quanto sia bello e necessario aggredire altri stati militarmente.
E così invece che investire soldi in un’istruzione pubblica, in sanità o servizi sociali, si prediligono le ronde con cani antidroga nei licei.

Intanto abbiamo sentito Fabio che ha creato una pagina web che aggiorna il  conteggio dei secondi intercorsi dall’ultima volta che il M5S ha contrastato il Muos, raccontandoci le flebili mosse istituzionali e la rabbia del movimento:

Il contrasto al Muos deve essere antimilitarista

Contrassegnato come:

Current track
TITLE
ARTIST