Ecuador, la rivolta de los zánganos contro il neoliberismo

Scritto dasu 17 Ottobre 2019

Zánganos – parola spagnola che indica gli esemplari maschi delle api, rappresentati come semplici droni senza iniziativa personale – è un termine denigratorio che in Ecuador i ricchi usano per riferirsi ai poveri e ai lavoratori come “ignoranti” e “pigri”. Durante i dodici giorni di rivolta che hanno infiammato il paese contro il paquetazo di Lenín Moreno e contro il FMI, popolazioni indigene, disoccupat*, lavoratrici, femministe e studenti hanno détournato il termine facendolo diventare una parola d’ordine. Da qui nasce la revolución de los zánganos: l’ape è diventata un simbolo dell’insurrezione popolare.

L’ondata di scontri e proteste che è riuscita ad imporre l’abrogazione dell’odiato decreto 883 – mirante ad aumentare il prezzo del carburante (e quindi di tutto) per ripagare il prestito che il governo ha contratto con l’FMI per coprire un condono di 4.5 miliardi di dollari in favore del settore bancario e imprenditoriale – è iniziata con uno sciopero dei trasportatori, a cui si sono unite in massa le popolazioni indigene delle montagne e le classi sfruttate delle città. Il governo ha subito trattato con il settore dei trasporti, fortemente reazionario, aumentando il costo dei biglietti e delle tariffe dei taxi.  Così lo sciopero è terminato.

Gli sfruttati non si sono però fermati, ed al grido di El paro no para (lo sciopero non si ferma) hanno messo in campo una delle più grandi insurrezioni popolari degli ultimi trent’anni  in Ecuador. Una fiammata che ha risvegliato dal torpore le classi povere, sprofondate nell’ultimo decennio, anche a causa dell’eredità del “correismo”, in un pantano dove nulla si muoveva e dove pochi osavano alzare la voce. In particolare, le comunità indigene hanno dimostrato ancora una volta la propria forza e determinazione nella lotta contro il colonialismo neoliberista, scendendo dalla sierra per contribuire in modo determinante a far scappare Lenín Moreno a Guayaquil, enclave costiera del potere. Come nel 1997, quando marciarono verso Quito per destituire il presidente Abdalá Bucaram, o nel 2000 e 2005 quando lo fecero nuovamente con Jamil Mahuad e Lucio Gutiérrez, o quando resero impossibile firmare l’accordo di libero scambio con gli Stati Uniti nel 2006.

Con Marcelo, in diretta da Quito, abbiamo ripercorso la cronaca dei dodici giorni di rivolta a partire dalle storiche fratture di classe e di colore in Ecuador, che si materializzano in termini spaziali nella spaccatura tra sierra e costa, facendo il punto sulle prospettive quotidiane di lotta che si aprono adesso, dopo la vittoria in quella che non è che una battaglia all’interno di un processo generale di guerra di classe.

 

 


Current track
TITLE
ARTIST