COMUNICATO DI RADIO BLACKOUT SUL CONCERTO DEL 27 MAGGIO IN PIAZZA CASTELLO

Scritto dasu 28 Giugno 2010

La riuscita dell’appuntamento di giovedì 27 maggio a difesa di Radio Blackout è sotto gli occhi di tutti. Una festa in musica e un appuntamento di comunicazione politico-culturale che ha portato in piazza Castello più di 20.000 persone. Un’iniziativa totalmente autorganizzata e autogestita che si è dimostrato un successo su tutta la linea, nonostante i maldestri tentativi di metterci i bastoni fra le ruote di una burocrazia ineditamente e oltremodo ligia a norme spesso interpretate molto più elasticamente.

La partecipazione, davvero senza precedenti, all’evento mostra che una parte significativa della città è ben conscia della posta in palio quando si parla di chiudere una voce libera. Una consapevolezza che partiva dai gruppi che si son prestati all’iniziativa, giù fino alle ultime file che riempivano anche l’ultimo centimetro quadrato di piazza Castello. Numeri che, a memoria dei presenti, nessuno ricorda per appuntamenti di questo tipo.

Kermesse simili organizzate dalle istituzioni non raggiungono questi risultati, arrivando a costare 5/10 volte tanto con l’utilizzo/prelievo di soldi pubblici.

Crediamo che la riuscita dell’evento sia da considerarsi un segnale importante. Una fetta di torinesi manda al sindaco della città e all’amministrazione comunale tutta un messaggio chiaro: radio blackout non può essere chiusa, né direttamente né indirettamente.

Siamo certi che tra  il prima e il dopo dell’evento qualcosa è cambiato e che una politica seria (per quanto possa non piacerci, né noi piacere a lei) sa fare i conti con dei risultai inaspettati, soprattutto quando questi mettono sul tappeto una legittimità conquistata, evidente e corposa.

All’amministrazione comunale di questa città resta ora da fare una scelta: o continuare ad intesdardirsi in una battaglia contro una voce scomoda o accettare, più realisticamente, che questa continui il proprio quotidiano lavoro di contro-informazione e proposta culturale, seguita e ascoltata da una fetta consistente di torinesi.

Come redazione della radio (organo collegiale che decide collettivamente del funzionamento e della programmazione di radio blackout) ci teniamo innanzitutto a ringraziare tutti gli artisti che giovedì 27 maggio hanno suonato gratuitamente dal palco di piazza Castello: In ordine alfabetico: Africa Unite, Egin, El Tres, Fratelli di Soledad, Linea 77, Mao e i Santabarba,  Monelli Antonelliani, Motorcity, Senso Doppio,  Subsonica acoustic live, Rimozione Koatta, Zuli Mc e Zulù dei 99 Posse. Tutti quanti  hanno interpretato al meglio lo spirito di quell’iniziativa, seguendone la costruzione anche fuori dal palco e dandosi disponibili per nuove iniziative. Significativi, a questo proposito, sono stati gli interventi/appelli che si sono susseguiti durante l’evento, fatti propri da ogni artista così come da tutti coloro che hanno parlato a testimonianza delle lotte e dei movimenti sociali a cui Radio BlackOut dà voce, a partire dai lavoratori e dai musicisti del Teatro Regio, fino al movimento dell’Onda, passando per il movimento NoTav, la campagna contro i Centri d’Identificazione ed Espulsione per gli immigrati, il comitato di quartiere Vanchiglia, le lotte dei lavoratori cassintegrati e precari, il sostegno alla libera informazione, il movimento a difesa dell’acqua pubblica. Come redazione di radio blackout ringraziamo e ci stringiamo una volta in più a queste battaglie che sono parte di noi e della nostra quotidiana programmazione.

Ed un ringraziamento anche a tutti coloro che da 18 anni ascoltano, diffondono e sostengono Radio BlackOut, e a tutti quegli artisti che avrebbero voluto portare anche il loro contributo al concerto.

continua….


Continua a leggere

Current track
TITLE
ARTIST