Tassa sulla casa. Anche in tre rate, anche all’estero

Scritto dasu 18 Aprile 2012

La tassa sulla casa si potrà pagare anche in tre rate. Quanto pagheremo lo sapremo – forse – a fine anno. E’ certo però che l’IMU non è la vecchia ICI: per una casa anche modesta si pagheranno cifre intorno ai mille euro. Un mese di stipendio, o, per chi ce l’ha, la tredicesima.
I grandi costruttori invece non pagheranno neanche un soldo per gli immobili finiti ma vuoti.
Sull’equità della misura basti pensare che gli anziani negli ospizi pagano l’IMU, mentre le fondazioni bancarie sono esenti.
Una delle novità più interessanti è la tassazione delle case all’estero. Una tassa difficile da esigere ma che potrebbe diventare un ulteriore balzello per gli immigrati, che nel loro paese di origine hanno una casa o la ereditano dai parenti.
Insomma una nuova tassa per i lavoratori immigrati, cui è negato l’accesso a tanti servizi importanti, ma, come mucche da mungere, devono piegarsi a sempre nuovi balzelli.

Ascolta l’intervista all’economista Francesco Carlizza: [audio:https://radioblackout.org/wp-content/uploads/2012/04/Francesco-Garlizza-su-IMU-18-04.mp3|titles=Francesco Garlizza su IMU 18-04]

Scarica l’audio

Contrassegnato come:

Current track
TITLE
ARTIST