Ilva Taranto. Morire di Lavoro o morire senza lavoro

Scritto dasu 8 Agosto 2012

Il tribunale del Riesame di Taranto ha confermato il provvedimento di sequestro relativo agli impianti dell’area a caldo dello stabilimento siderurgico Ilva, finalizzandolo al risanamento dello stabilimento, e dunque vincolandolo alla messa a norma (e non alla chiusura). Il tribunale ha disposto che ‘i custodi garantiscano la sicurezza degli impianti e li utilizzino in funzione della realizzazione di tutte le misure tecniche necessarie per eliminare le situazioni di pericolo e della attuazione di un sistema di monitoraggio in continuo delle emissioni inquinanti’, confermando nel testo il decreto impugnato. Si tratterebbe di una sorta di facoltà d’uso condizionata all’esecuzione di determinati lavori che rendano compatibili gli stessi impianti con le esigenze della tutela dell’ambiente e della salute. I giudici si sono riservati di depositare le motivazioni dell’ordinanza. Tre degli otto dirigenti indagati restano agli arresti domiciliari. Gli altri cinque sono stati rimessi in libertà. Ne abbiamo discusso con Salvatore dei Cobas da Taranto

[audio:https://radioblackout.org/wp-content/uploads/2012/08/salvatore.mp3|titles=salvatore]

Scarica il file

Contrassegnato come:

Continua a leggere

Current track
TITLE
ARTIST