Da Saluzzo a Torino la lotta bracciantile incontra quella per la casa

Scritto dasu 10 Luglio 2014

2014_07_10_Luca_bracciantile

Come ogni anno, a Saluzzo si creano condizioni di vita e di lavoro intollerabili per i migranti che raggiungono la cittadina cuneese per la raccolta della frutta. Quest’anno le condizioni sono diverse rispetto agli anni scorsi – anche per il cambio della giunta – e forse per certi versi, pur essendo aumentati i posti messi a disposizione della Caritas, in qualche modo si è cambiato anche in senso peggiorativo. Già ora le condizioni nel campo in parte autogestito sono precarie con 150-200 ospiti presenti, se ne attendono altri 3-400… Sulla situazione abbiamo sentito Luca del coordinamenteo bracciantile piemontese, che ci ha anche illustrato l’iniziativa che si terrà questa sera in coda al corteo per la casa il cui concentramento sarà in piazza Sabotino alle 18,30 e che vedrà l’intervento di alcuni compagni che si occupano del bracciantato.

“Incontro sul tema lavoro bracciantile – dai campi negli anni ’50 a oggi”

Porticato del Museo diffuso della resistenza – Corso Valdocco 4, Torino (dalle ore 21, con interventi di 10-15 min. l’uno):

– Introduzione e presentazione del Coordinamento bracciantile piemontese (Luca la Rocca – Coordinamento bracciantile piemontese)

– Le lotte dei braccianti in italia (Anna Maria Sambuci – Rete Campagne in Lotta)

– Braccianti s Saluzzo, tra sfruttamento lavorativo e disagio abitativo (Cecilia Rubiolo – Coordinamento bracciantile saluzzese)

– Rifugiati e campi (di vita e di lavoro) a Saluzzo (Manuela Cencetti – Coordinamento bracciantile saluzzese)

– Agricoltura contadina e braccianti migranti (Associazione Rurale Italiana)

– Lo scioperò di Nardò (Anna Maria Sambuci – Rete Campagne in Lotta)

– Proiezione del documentario partecipato “destination de dieu” (di Andrea Gadaleta Caldarola – 21, Italia, 2014)

2014.07.10-luca_bracciantile


Current track
TITLE
ARTIST