I ladri di bambini

Scritto dasu 1 Ottobre 2014

romE’ una tranquilla domenica di settembre. A Borgaro, paese dell’hinterland torinese, c’é la fiera. A questa fiera c’é anche un ragazzo di trentunanni con il suo bambino e un amichetto. Il padre di distrae un attimo. In quell’attimo i due bambini sono spariti tra la folla, inghiottiti. L’uomo li cerca ma non li trova. Ha paura: teme il giudizio della gente, teme di essere accusato di non essere un  bravo genitore. Si inventa una bugia, una grossa bugia: sostiene che un uomo aveva tentato di rapire i due piccoli ma lui era arrivato in tempo.
Poteva bastare. Invece no. Per rendere più credibile la propria storia racconta il rapitore è un rom. Non pago di questa menzogna razzista, indica senza timore la foto segnaletica di un uomo nell’album della polizia.
Peccato che quell’uomo fosse in galera. Una “fortuna” per lui e per tutti i rom di Torino. Sui social network la canea razzista stava già suonando la grancassa, già si sentiva odore di benzina.
Questa volta è andata meglio di tre anni fa. Nel dicembre del 2011 una ragazzina racconta un bugia, uno stupro mai avvenuto, punta il dito su due rom, i rom che vivono in baracche fatiscenti tra le rovine della cascina della Continassa.
In questa bugia è il nocciolo di un male profondo. Una famiglia ossessionata dalla verginità della figlia sedicenne, al punto di sottoporla a continue visite ginecologiche, incarna un retaggio patriarcale che stritola la vita di una ragazza. Lei, per timore dei suoi, indica nel rom, brutto, sporco, puzzolente, con una cicatrice sul viso l’inevitabile colpevole.
L’allora segretaria dei Democratici torinesi, Brangantini, prese le distanze dal corteo indetto per “ripulire” la Continassa, ma quella sera sfilava in prima fila. Con lei c’era tanta “brava gente” accecata dall’odio razzista.
All’arrivo dei vigili del fuoco la folla inferocita li fermò a lungo. Ci impiegarono tutta la notte a spegnere le fiamme.
Nonostante questa volta la bugia sia stata smascherata in tempo, il campo di strada dell’aeroporto e, a ruota, gli altri, sono stati comunque perquisiti da polizia, carabinieri, vigili urbani. “Un intervento programmato da tempo” è stata la foglia di fico della Questura.

La potenza dello stigma razzista è tale che le perquisizioni partono anche se non è successo niente. Quando si punta il dito su un intero popolo, quando tutti sono colpevoli per il solo fatto di esistere, la possibilità del pogrom, della pulizia etnica, dello sterminio è sempre alle porte.
Il fatto sconcertante è il radicamento di un pregiudizio assolutamente falso. Nel nostro paese nessun rom, nessun sinto sono mai stati condannati per aver rapito un bambino. Ma sono stati accusati un’infinità di volte. Non c’è rom che sia in Italia da qualche anno che non sia stato costretto ad un esame del DNA per dimostrare che i suoi figli sono proprio i suoi. Ogni volta che un bimbo o una bimba troppo biondi vengono visti in un campo c’é sempre qualche brava persona che li segnala alla polizia.
Mai è successo che gli ossessivi controlli abbiano dato ragione ai pregiudizi infamanti sui rom.
Tra i rom è invece diffuso il timore di vedersi sottratti i figli da qualche assistente sociale convinta che i poveri, specie se rom, non possano avere figli. Così lo Stato sottrae i bambini ai genitori e li chiude in istituti.
Nel 700′ in Austria venne emanata una legge che prescriveva ai cittadini dell’impero di prendere in casa un bambino rom, di imporgli la propria lingua, il proprio stile di vita, per farne un piccolo austriaco.
A proposito di ladri di bambini…

Ne abbiamo parlato con Paolo Finzi della redazione di A, curatore del DVD e libretto “A forza di essere vento” dedicato allo sterminio nazista di rom e sinti.

Ascolta la diretta:

paolo_rom


Current track
TITLE
ARTIST