Poligoni sardi: conoscere è ripudiare le basi della guerra

Scritto dasu 23 Gennaio 2015

Giudici compiacenti, disinformazione, affarismo bellico, deposito di scorie nucleari e smaltimento di armi chimiche… la Sardegna come laboratorio di nocività e la Regione che pregiudizialmente copre e rimanda interventi della magistratura: la servitù militare è stata finora una condizione moralmente e fisicamente cancerogena, e ancora lo è ora,  quando si sta evolvendo in portaradar un’isola, dove la segretezza è garantita dal fatto che è un territorio semideserto (“Qui per loro meno siamo meglio è”, dice un malato terminale).

Ma la lotta dei comitati hanno permesso la creazione di una rete internazionale che ha riscontrato e scoperchiato proprio a partire dalla Sardegna le malformazioni genetiche e il cancro comune a tutti i territori che accolgono le basi militari

Al proposito sentite l’appassionata Mariella del comitato Gettiamo le basi

2015.01.22-mariella_gettiamo le basi


Current track
TITLE
ARTIST