Acad: un’associazione per le vittime degli… Acab

Scritto dasu 16 Gennaio 2016

800 58 86 05 è il numero verde di www.acaditalia.it: attivo 24 ore su 24, basta avere pazienza e qualcuno della catena risponde alla chiamata, che è meglio se avviene in tempi ristretti in modo da spazzare da subito le narrazioni tossiche che accompagnano sempre le malefatte degli uomini in divisa. Rimangono impuniti per l’apparato di insabbiamento e promozione che subito si attiva, per i costi che si dovrebbero affrontare da soli e famiglie coraggiose come quella di Stefano Cucchi non sono tante. Ma l’Associazione contro gli abusi in divisa fornisce supporto legale e indicazioni per cercare di ottenere giustizia.

L’associazione nasce dopo l’omicidio di Michele Ferrulli, perpetrato con una tecnica che persino la polizia americana giudica esiziale e che è stata fatale anche per Andrea Soldi ultimamente, coinvolgendo l’ambito del Tso, che fa parte anche della copertura assicurata dall’Associazione, ma l’idea cominciò a farsi strada nell’indignazione degli spiriti più sensibili di alcuni compagni all’indomani dei fatti di Genova 2001.

Ci siamo rivolti a Luca in seguito all’assassinio di Ciro Lo Muscio, eseguito da due pirati della strada in divisa su un’auto civetta che a folle velocità lo ha travolto in corso Grossetto a Torino, di notte, mentre rincasava sobrio discendendo dal bus della linea 2; l’assenza di lampeggianti e sirene ha fatto pensare a criminali e quindi le persone del quartiere circondarono l’auto anonima per impedire la fuga, poi operata con l’intervento di altri uomini in divisa che li hanno prelevati… ora sembra che si riesca a fare luce sull’“increscioso incidente” e comunque la famiglia non ha intenzione di farsi intimidire: è annunciata una fiaccolata in corso Grosseto allo scadere di un mese dall’omicidio, avvenuto il 29 dicembre.

Acad può aiutare quando c’è questa volontà di giustizia e forse – nonostante i tantissimi casi di assoluta impunità delle “mele marce” – ogni tanto ha dato prova di ottenere qualche risultato. E forse anche questo può fungere da deterrente rispetto all’atteggiamento sprezzante e spregiudicato di chiunque indossi una divisa che, soprattutto in un paese dove non esiste il reato di tortura e gli operatori non sono identificabili, si sente intoccabile e giudice di qualsiasi suddito che si trova di fronte.

Unknown


Current track
TITLE
ARTIST